Al via il Festival dell’Opera da Camera delle Marche 2015

JESI – Il Festival dell’Opera da Camera delle Marche è una nuova iniziativa promossa dalla Fondazione “Alessandro Lanari” di Jesi con la direzione artistica di Gianni Gualdoni, che giunge quest’anno alla terza edizione. Realizzato in collaborazione con enti pubblici locali -Comune di Jesi, Regione Marche- e il sostegno di vari soggetti economici e istituzionali del territorio, propone un repertorio di piccolo organico esecutivo ma di grandi stimoli culturali, che spazia nei quattro secoli di storia dell’Opera: nelle due stagioni trascorse ha messo in scena parecchi titoli che già ne costituiscono oggi un invidiabile panorama di produzioni variegate in epoca e stile, da “La Dirindina” di Domenico Scarlatti (1685-1757) a “Pimpinone di Tomaso Albinoni (1671-1751), da “Il combattimento di Tancredi e Clorinda” di Claudio Monteverdi (1567-1643) a “Il maestro di scuola e “Don Chisciotte” di Georg Philipp Telemann (1681-1767) e poi “Il segreto di Susanna di Ermanno Wolf-Ferrari (1876-1948), “Via Crucis di Franz Liszt (1811-1886), fino a “Scherzo di Giuseppe Balducci (1796-1845) opera buffa data al Festival in prima rappresentazione in epoca moderna.

Una proposta rara, forse unica nel suo genere, perché alla qualità della programmazione unisce atmosfere sociali e modalità di fruizione ravvicinata e partecipe come all’origine del teatro d’opera, che vede il suo primo spazio rappresentativo nei saloni di ricevimento dei palazzi aristocratici del primo ‘600: gli appuntamenti del Festival vanno infatti in scena nel “teatro da camera” dei principali palazzi antichi del centro storico di Jesi, rievocando il loro uso originario come luoghi di socialità e arte musicale. Spazi contenuti, per allestimenti “intimi” che attivano un contatto diretto tra platea e palcoscenico così coinvolgente come non può avvenire in alcuna sala teatrale istituzionale: rinnovando per il pubblico d’oggi quella storica fruizione privilegiata dei luoghi. Un’identità culturale e produttiva così spiccata che pone il Festival all’attenzione del panorama nazionale.

 

EDIZIONE 2015

Le facce dell’amore” -nei suoi diversi aspetti di conquista, sacrificio, disillusione- è il filo conduttore del Festival 2015, che presenta tre grandi titoli di secoli diversi, tutti allestiti nella sala-teatro del piano nobile di Palazzo Colocci. In cartellone ben tre nuove produzioni sceniche: dal titolo principe di Pergolesi –“La serva padrona”- eseguito secondo prassi d’epoca (in scena il 12 aprile), a due perle dell’‘800 in versione da camera come “La traviata” di Verdi (3 maggio) e la rarissima “Zanetto” di Mascagni (24 maggio). Una ragionata progressione artistica tra i sentimenti e i loro esiti sociali: dall’emblema del genere buffo del ‘700 al simbolo stesso dell’opera romantica, fino al raffinato lavoro di Mascagni che è di fine ‘800, ma prelude già alle atmosfere decadenti e introspettive del nuovo secolo.

Il gioiello teatrale di Pergolesi (1733), qui eseguito con prassi d’epoca su strumenti antichi, con la sua storia di costume e sentimento universale senza epoca è presentato in un raffinato nuovo allestimento in cui il ‘700 e la nostra contemporaneità risultano in scena perfettamente intercambiabili e sovrapponibili, a sottolineare la perenne attualità della vicenda…

L’immortale opera verdiana (1853) rivive in una coinvolgente lettura da camera che concentra l’attenzione sui soli due protagonisti e ne sviluppa la tormentata storia d’amore con un’apposita nuova drammaturgia che ne esalta il dramma intimo, mantenendo intatto l’impianto musicale della partitura originale nella versione per pianoforte.

Il titolo di Mascagni è un piccolo capolavoro di estetismo decadente “fin de siècle” (1896), che mostra la ricca diversificata vena artistica dell’autore ben oltre la più nota “Cavalleria rusticana”. Atmosfere raffinate e rarefatte, per una storia d’amore impossibile tra anime di natura e vissuto troppo diversi… Opera di rara esecuzione, grazie al Festival arriva per la sua prima volta assoluta sulla scena lirica di Jesi.

 

L’INVITO È PER TUTTI, I POSTI PER POCHI

Dotata di appena 99 posti seduti, la Sala-Teatro di Palazzo Colocci è per sua natura un luogo esclusivo, sebbene non escludente e anzi aperto alla più ampia partecipazione grazie anche a biglietti d’ingresso di costo volutamente contenuto (15 Euro, comprensivo di “vino d’onore” a fine spettacolo in convivio tra pubblico e artisti): poiché, dunque, l’invito è per tutti ma i posti sono per pochi, chi volesse garantirsi il privilegio della propria presenza farà bene a prenotare per tempo. Info e prenotazioni: 0731-4684; info@fondazionelanari.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*