«Al via nelle Marche i trattamenti con anticorpi monoclonali: si parte da Pesaro» | Password Magazine

«Al via nelle Marche i trattamenti con anticorpi monoclonali: si parte da Pesaro»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PESARO – «Oggi alle 15 sono iniziati i trattamenti a Marche Nord per i primi tre pazienti con gli anticorpi monoclonali». Lo annuncia l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini. Si tratta di tre  pazienti trapiantati di rene, la cui terapia immunosoppressiva è stata sospesa a causa della recente infezione CoVid, paucisintomatici per febbre, senza necessità di ossigeno. Queste persone,  per la loro patologia di fondo e le terapie immunosoppressive, sono a rischio elevato di sviluppare una forma grave di malattia.

La terapia sarà effettuata dall’equipe medico infermieristica di Medicina Interna autorizzata come centro pre-scrittore.

Nella nostra Regione sono stati infatti approntati 15 centri prescrittori: oltre a quello di Marche Nord, due centri sono agli Ospedali Riuniti di Ancona, due all’Inrca e dieci nelle aree vaste dell’Asur: uno nell’area vasta 1; tre nell’area vasta 2; tre nell’area vasta 3; uno nell’area vasta 4 e due nell’area vasta 5.
«Siamo pronti a partire con la terapia in tutta la regione – spiega ancora Saltamartini – con il coinvolgimento dei medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e le Usca che partecipano nella individuazione soggetti candidati alla terapia».

L’infusione avverrà sempre in ambiente protetto. Contemporaneamente la Regione Marche, con l’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona e l’Asur, ha partecipato alla stesura di un importante progetto inviato all’Aifa per l’estensione dell’utilizzo degli anticorpi monoclonali attraverso uno studio farmacologico al quale partecipano società scientifiche dei medici di medicina generale, infettivologi e l’Ospedale Spallanzani di Roma. «Un ulteriore contributo – commenta l’assessore –  per la tutela della salute dei cittadini e lo sviluppo della ricerca scientifica».

Gli anticorpi monoclonali sono arrivati ieri nelle Marche, nella quantità  di 133 flaconi, sui 4 mila flaconi disponibili in Italia.
Si tratta di anticorpi monoclonali Bamlanivimab, destinati a pazienti non ospedalizzati, con patologia lieve o moderata, che rientrano nei criteri di eleggibilità stabiliti dall’Agenzia italiana del farmaco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.