Alessia Polita: «Quando la società ti fa sentire in colpa per essere disabile» | Password Magazine

Festival Pergolesi

Alessia Polita: «Quando la società ti fa sentire in colpa per essere disabile»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – «Non c’è più buon senso e comprensione. La società certe volte ti fa sentire in colpa di essere disabile». Lo sfogo da Alessia Polita, ex pilota jesina, in sedie a rotelle dal 2013 per un incidente in pista a Misano, e autrice del libro autobiografico Ride Through uscito lo scorso anno. 
«Oggi sono andata in centro – spiega in un post – E partiamo dal presupposto che per un disabile in carrozzina (diverso da un disabile che deambula) trovare un parcheggio è peggio di cercare un ago in fondo all’oceano. C’è bisogno di spazio per l’apertura della portiera, devi controllare che quando apri la porta non ci sia una buca più grande di te e così via. Oltretutto quei pochi parcheggi che ci sono sono occupati da macchine con le quattro frecce o come sempre da gente che non ha il cartellino o se ha il cartellino è della nonna dello zio del cugino di secondo grado della nuora. Ma se non li cogli sul fatto …tutto è concesso.
Come sempre mi reco verso il parcheggio delle Grazie perché è l’unica zona meno pericolosa per scendere con la sedia senza rompermi l’osso del collo. E partiamo dal presupposto che ogni volta, becco gente senza cartellino e non capisco perché i vigili non vi beccano mai».
Alessia racconta di aver anche segnalato ad una forza dell’ordine, in passato, un’auto parcheggiata senza cartellino, ma che questo ha «praticamente girato la testa sbattendosene», facendo riferimento poi anche ad altri episodi.
«Fatto sta – riprende il discorso – che i parcheggi erano tutti occupato e che, non avendo alternativa, l’ho messa dove non c’erano le righe e mi sono presa una bella multa. Ok mi sta bene, anche voi mi risponderete Le leggi sono uguali per tutti. D’accordo. Ma se vedi un cartellino disabili, ci vorrebbe un minimo di buon senso.
Ok non avete idea di cosa vuol dire stare in sedia, ma spero avrete un minimo di cervello per capire che se non blocco strade, se non mi metto sul marciapiedi se non ingombro strisce pedonali, se non mi metto in uno scivolo, potresti chiudere un occhio, perché sono una persona in sedia con le sue difficoltà.
Lo stesso occhio che devo chiudere io quando vado al cinema e mi mettono in un angolo sotto lo schermo perché non conto un cazzo. Lo stesso occhio che chiudo quando prenoto un biglietto al teatro e mi esiliano in ultima fila, a non vedere una minchia. Lo stesso occhio che chiudo quando vado in centro e nonostante la bellissima e nuovissima pavimentazione non entro ancora in metà dei negozi.
E potrei mettermi qui a fare un elenco lungo un kilometro.
Pensate. Chiudo anche gli occhi se devo andare in bagno e mi metto dietro un cespuglio perché nessun bar in centro è accessibile ad una persona in sedia. Ora non sono le 40 euro di multa perché non mi cambia la vita.
Ma quello che la gente non capisce è che una persona in sedia non ha alternative di parcheggio, abbiamo una sedia con le complicazioni che ci portiamo dietro. Qui non è un discorso che la pandemia ha rincoglionito la gente.
Il problema è che non c’è più buon senso e comprensione. La società certe volte ti fa sentire in colpa ad essere disabile. VERGOGNA!!».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.