Alice Bellagamba: dopo il matrimonio, in TV con "Che Dio Ci Aiuti 3"

JESI – Un matrimonio da favola quello celebrato il 18 ottobre nel suggestivo Castello di Montignano, in Umbria tra Alice Bellagamba e Andrea Rizzoli. La ballerina-attrice jesina – che vedremo giovedì in onda su Rai 1 nella fiction “Che Dio Ci Aiuti 3” –  ha scelto per il suo matrimonio una cerimonia classica e in famiglia per vivere la gioia del fatidico sì.

Reduce dal ‘Premio Internazionale Anna Magnani: miglior attrice emergente’ ottenuto alla 71esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, ora Alice vive la gioia del fatidico “sì”, quello che cambia la vita per sempre. Ce lo racconta a cuore aperto, in un’intervista rilasciata per Password alla giornalista Talita Frezzi:

 

Allora è questo il tuo giorno più bello nel mondo?

 “Assolutamente sì, il mio giorno più bello l’ho appena vissuto con l’abito bianco. E’ stata una giornata emozionante, vissuta in un antico borgo medievale dell’Umbria che ha ospitato sia la cerimonia nuziale che il ricevimento e la festa danzante la sera con 180 invitati. Mi sono anche divertita, perché gli ospiti si sono cimentati in particolarissimi show…”.

Come mai proprio in Umbria? Quel luogo ha un significato particolare per voi?

“Abbiamo scelto di sposarci in Umbria perché io sono di Jesi, Andrea di Roma e volevamo un punto a metà strada anche per venire incontro agli invitati e non farli stressare con troppi chilometri. In realtà avevamo già scelto l’Umbria, ma il Castello di Montignano era quello che rappresentava meglio la nostra personalità”.

Ci descrivi il tuo splendido abito? Siamo un popolo di ragazze sognanti….

“Certamente…un abito lungo, bianco con un velo che copre sia davanti che dietro. Me lo ha  realizzato l’Atelier Acqua Chiara di Roma, grazie alle sapienti mani della stylist Gabriella. L’ho ideato io, lei me lo ha realizzato su misura pezzo per pezzo, con piccole invenzioni che lo rendessero ideale sia per la cerimonia che per la sera. Le scarpe sono rigorosamente marchigiane, le firmano Renato Curzi e Nenella Impiglia della ditta Vic Matiè di Serra de’ Conti. Ho portato  l’artigianalità, la creatività e la qualità della mia terra anche nelle fedi, realizzate da Arte Orafa della mia amica Maria Marchegiani di Jesi. Gli anelli erano poggiati su un cuscinetto appositamente realizzato da Simona Capradossi di “Simsee” e che si è occupata anche del bouquet, lanciato poi a fine cerimonia verso le invitate”.

Chi ha curato l’acconciatura?

“L’acconciatura l’ha curata Antonio Morici di Roma. Mi sono affidata ai miei amici, mi sono lasciata curare da loro: hanno realizzato tutto su misura e in maniera artigianale appositamente per me e anche per questo li ho voluti miei ospiti quel giorno”.

E la torta nuziale?

“Su questa un tocco di modernità…gusto cioccolato e arancia. L’ha realizzata per me la pasticcera Francesca Tili della pasticceria “Note di Dolce” di Jesi. Abbiamo brindato con calici di Verdicchio dei Castelli di Jesi ‘Le Vaglie’ della cantina di Stefano Antonucci. Mentre un altro mitico jesino mi ha accompagnata tra lacrime ed emozioni: ho voluto che tutto il servizio fotografico fosse curato da Gino Candolfi, anche per esporre dopo nelle vetrine del suo negozio gli scatti del matrimonio e rendere partecipi i miei concittadini di questa mia grande gioia”.

L’incontro con Andrea Rizzoli?

“Ci siamo conosciuti a Roma grazie ad amici di amici in comune e lui mi ha corteggiata subito. Dopo due mesi, a maggio, si è messo in ginocchio con l’anello e mi ha chiesto di sposarlo… E’ riuscito a conquistarmi e sono follemente innamorata di lui”.

Come ci si sente a essere la nuora di una grandissima attrice quale Eleonora Giorgi?

Lei è una donna meravigliosa che ho avuto il piacere di conoscere nel poco tempo che mi sono fidanzata con Andrea. E’ una mamma e una donna fantastica, oltre a un’artista che si è saputa costruire negli anni una brillante carriera, tanto che ha conquistato anche un David di Donatello. Ho solo da ammirarla”.

Dove andrete in viaggio di nozze?

“E’ un po’ particolare come viaggio di nozze, ma andremo in India. Mare e luoghi profondamente spirituali, silenziosi, lontani. Una meta che incuriosiva entrambi..tra poco si parte!”.  

D: Un’ultima domanda sulla tua carriera dopo il recentissimo Premio Internazionale Anna Magnani: quali progetti in cantiere, signora Rizzoli?

Wow..signora Rizzoli! Giovedì sarò su Rai1 in una puntata di “Che Dio ci aiuti” con Elena Sofia Ricci, nella puntata girata a Fabriano. A inizio del prossimo anno, nella mini serie per la Rai “La freccia del Sud” dove interpreto la fidanzata di Pietro Mennea (David Riondino).… e poi alcune serate in programma con Marco Zingaretti. Vi rimando al mio sito www.alicebellagamba.it o la mia pag ufficiale di Fb per tutti gli aggiornamenti!”

LA NAKED CAKE, LA TORTA SCELTA DA ALICE 

Una naked cake (o “torta nuda”, in italiano) è la torta nuziale che Alice Bellagamba e Andrea Rizzoli hanno voluto per il loro matrimonio, celebrato il 18 ottobre scorso. A realizzarla è stata la cake designer Francesca Tili della pasticceria Note di Dolce, a Jesi. Una torta semplice e multistrato, non ricoperta esternamente da panna ma farcita di crema e abbellita da frutti e fiori, con tocchi di colore alla base. “Semplice e dai sapori autentici , la naked cake è esempio di eleganza, raffinatezza e buon gusto –  spiega Francesca – In particolare, la torta nuziale di Alice si ispirava ai colori e ai sapori della stagione autunnale, con strati di pan di spagna al cioccolato farciti di crema chantilly, all’aroma di arancia”.

Per realizzare la naked cake è necessario conoscere bene le creme e la tradizione dolciaria: grazie alla maestria di Francesca Tili, la naked cake di Alice e Andrea è risultata un vero capolavoro di pasticceria e di sapori.
Note di Dolce è caffetteria, pasticceria, cioccolateria e aperitiveria di esclusiva produzione artigianale con sede a Jesi, in via Cesare Battisti 9/b: realizza torte nuziali e servizi completi per ogni tipo di cerimonia, buffet o meeting, anche prodotti senza glutine, zucchero o lattosio. Aperto tutti i giorni, anche a pranzo, il locale dispone di un’ampia sala, gratuitamente a disposizione della clientela per feste o cerimonie.

©VIETATA LA RIPRODUZIONE

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*