Alla fine, Ivan ce l'ha fatta | Password Magazine

Alla fine, Ivan ce l’ha fatta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI Alla fine, Ivan ce l’ha fatta. Il ragazzo sordo e rumeno per cui l’associazione ‘Una casa per Ivan’ si era attivata al fine di trovare un contratto di lavoro e una dimora, adesso è riuscito ad avere un impiego come tirocinante (presso l’azienda Treepark di Jesi) e anche un’abitazione. Una storia con dei passaggi delicati vista la situazione pandemica – che non ha agevolato le cose né per lui né per l’associazione -, ma che ha avuto un lieto fine.

Ha contribuito a farlo sapere (fra gli altri) anche il sindaco Massimo Bacci, che sul suo profilo Facebook ha condiviso un file digitale in cui veniva raccontata proprio la sua storia. Che è stata raccontata da Franco Pesaresi e Pina Masella nel pamphlet Storia di Ivan … il mite, e si può leggere qui.

ivan-storia

La storia. Ivan ha lasciato la Romania nel 2017 e, come si legge in Storia di Ivan … il mite, è comparso non si sa come nell’ascolano. Il sindaco locale lo ha portato alla Casa dei Giganti di Jesi, un ente che si occupa di persone senza fissa dimora (ma dove, visto il regolamento, il ragazzo è rimasto solo temporaneamente). Le difficoltà legate alla sua disabilità – la sordità – non hanno agevolato la sua integrazione nel tessuto sociale jesino, nonostante gli sforzi delle persone dei quartieri in cui ha abitato.

Chi lo ha seguito ha spiegato che ha vissuto sia nei pressi del parco del Tornabrocco che ne parchi adiacenti all’Hotel dei Nani. Dormiva sulle panchine, mangiava con quello che gli abitanti dei vari quartieri gli portavano, gentilmente.

Successivamente, gli viene riconosciuta grazie all’iscrizione all’anagrafe come cittadino jesino lo status di disabilità. La Fondazione Casa per Ivan (promossa dall’Associazione Vallesina Aiuta), nata a luglio 2020, è riuscita grazie a una dimora provvisoria e, dopo successivi passaggi burocratici e grazie a una raccolta fondi, a completare la “rinascita” di Ivan trovando per lui una casa e un lavoro – a cui ha contribuito l’ASP (Azienda pubblica Servizi per la Persona).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.