All’area verde del PalaTriccoli, la settima giornata di “Prevenzione e Sicurezza”

JESI – Quest’anno sarà l’area verde del Palazzetto dello Sport “Ezio Triccoli” di Jesi ad ospitare la settima giornata “Prevenzione e Sicurezza – PS7″, nella mattinata di sabato prossimo, giornata conclusiva del percorso didattico “Progetto Scuole Sicure” che per l’anno scolastico 2017-2018 ha coinvolto le classi primarie dell’Istituto Comprensivo Statale Carlo Urbani e secondarie di primo grado dell’Istituto Comprensivo Statale S. Francesco di Jesi.

“L’idea di questo percorso didattico – spiega Lorenzo Mazzieri, coordinatore di Protezione Civile della provincia di Ancona – è nata otto anni fa, insieme al Dott. Alessio Avaltroni, per ampliare le conoscenze dei più giovani riguardo la prevenzione e la sicurezza, sia in casi di emergenza che non”.

Grazie alla collaborazione tra i dirigenti degli istituti coinvolti e l’Amministrazione comunale, i volontari della Protezione Civile, con un gruppo di formatori esperti – con una pluriennale esperienza alle spalle – è stato possibile organizzare un ciclo di 16 lezioni divise in otto giornate formative effettuato tra marzo e aprile: è stato illustrato il funzionamento del sistema di Protezione Civile, cosa sono le emergenze e come vanno affrontate.

La “Settima Giornata Prevenzione e Sicurezza” sarà dunque un resoconto dei temi affrontati in classe con esercitazione di carattere pratico, informazioni ulteriori sulle procedure operative ed i mezzi utilizzati dai vari corpi, sia in situazioni di emergenza, che per l’ordinario controllo del territorio, proponendo un’occasione didattica di confronto e incontro tra i circa 550 ragazzi, e i rappresentanti delle forze civili e militari quali Aeronautica Militare, Capitaneria di Porto, Carabinieri e Carabinieri Forestali, Croce Rossa Militare, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Polizia Stradale, Polizia Locale, Soccorso Alpino Speleologico, Volontari di Croce Rossa Italiana, Nucleo CB-OM Jesi, Protezione Civile della regione Marche, Unità Cinofile da Soccorso, Carabinieri, Legambiente e Vigilanza Antincendio Boschivo. In un’area di circa 15000 metri quadrati, tali corpi saranno presenti in 16 stand espositivi, divisi in due percorsi formativi differenti: il primo più ludico per i bambini delle primarie, il secondo di stampo didattico-pratico per i ragazzi delle secondarie di primo grado.

Il referente del progetto, il Dott. Alessio Avaltroni, puntualizza sulla necessità della distinzione dei due percorsi: «Edizione dopo edizione abbiamo capito che il linguaggio è la chiave di tutto, cerchiamo di approcciarci ai ragazzi in modo amichevole, con il loro slang, per così dire, e abbiamo pensato di ideare due percorsi distinti proprio per questo motivo, cercare di entrare in contatto al 100% con i ragazzi, con appunto due differenti linguaggi, ad hoc per le due fasce di età».

Inoltre, i ragazzi avranno la possibilità di vedere mezzi e corpi speciali come lo Snowtrack del gruppo di Fermignano, il robot della squadra artificieri dei Carabinieri, vere cucine da campo, tende NBCR per la decontaminazione, le moto ad acqua della capitaneria di porto di Ancona, droni di sorveglianza antincendio, torri faro, un seggiolino ejettabile di un jet dell’aviazione.

L’amministrazione comunale è orgogliosa di aver potuto aiutare e sostenere questo evento: «Grazie per aver portato a Jesi un evento di questo calibro – commenta l’assessore Roberto Renzi – perché non bisogna mai perdere l’occasione di parlare di protezione civile con i più giovani, di prevenzione e sicurezza, in un periodo poi in cui le calamità naturali sono purtroppo frequenti. E inoltre, se c’è qualcosa che funziona bene in Italia è proprio il sistema di Protezione Civile. E quindi, grazie ancora»..

Al termine delle informative sarà mostrata una esercitazione dimostrativa in emergenza simulata: i vari corpi entreranno in azione per prestare soccorso a persone colpite da un evento calamitoso. La mattinata si concluderà con i saluti e i ringraziamenti da parte delle autorità civili religiose e militari, degli amministratori locali e regionali, dei dirigenti della Protezione Civile Regionale e Nazionale, tra cui il dirigente del Servizio Protezione Civile della regione Marche Dott. David Piccinini.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*