Alluvione, Senigallia danni per 179 mln | Password Magazine

Alluvione, Senigallia danni per 179 mln

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SENIGALLIA – Senigallia alla resa dei conti: l’alluvione del 3 maggio ha causato danni per  un ammontare complessivo di 179 milioni di euro. Queste le prime cifre stimate, fornite dal sindaco Maurizio Mangialardi, presente il prefetto di Ancona Alfonso Pironti, in una conferenza stampa.

“Le segnalazioni dei privati sono a oggi 3.669, con circa 94 milioni di euro relativi a richiesta di danni per beni mobili e 39 per gli immobili, per un totale di 133 milioni – ha spiegato in conferenza – Le imprese che hanno presentato la segnalazione sono state 544, per quasi 30 milioni per danni a beni mobili e 16 a immobili, per un totale di 46 milioni. Il dato globale è di 179 milioni circa”.

“A questa cifra – ha proseguito il sindaco – si devono aggiungere 8.325.000 euro per danni a edifici pubblici, sistemazione dei corsi d’acqua, interventi di messa in sicurezza. Altri 3.625.000 riguardano spese come l’assistenza ai cittadini e ai volontari, fino allo smaltimento rifiuti. E le stime non sono ancora ultimate in quanto continuiamo a ricevere le schede. In queste voci non sono compresi poi i danni agli istituti superiori cittadini di proprietà della Provincia”. “In totale – ha continuato Mangialardi – sono 1.250 le famiglie che hanno perso tutto. Sempre a oggi sono 5 mila le tonnellate di rifiuti rimossi e mille tonnellate di fango”.
Intanto si apprende che sono pronti due esposti alla Procura della Repubblica di Ancona da parte dei familiari di Aldo Cicetti, 87 anni, una delle vittime e di alcuni residenti. Ritardi nell’allarme alla popolazione, carenze nella prevenzione, negli interventi e nei soccorsi dopo la calamità sono le ipotesi d’accusa. Il procuratore Elisabetta Melotti aveva già aperto d’ufficio un fascicolo d’indagine, per ora senza ipotesi di reato e indagati.

(fonte: ANSA.IT)

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.