Alternanza Scuola Lavoro a Jesi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Alternanza Scuola Lavoro a Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolto lunedì scorso (5 giugno), presso i locali della ex 2ª Circoscrizione di Piazza San Francesco a Jesi, un interessante incontro/dibattito proposto dalla Lista Civica Patto x Jesi e coordinato dall’avv. Giancarlo Catani, consigliere con Delega al Turismo uscente, che ha moderato gli interventi di rappresentanti di Confindustria, CNA e Confartigianato, oltre che del mondo delle imprese, di istituti scolastici ed alunni, alla presenza del sindaco uscente Bacci e dell’assessore uscente ai servizi educativi e politiche per l’istruzione Marisa Campanelli.

“Prospettive per lavoro per i giovani anche alla luce della normativa alternanza scuola-lavoro”: questo il tema che ha portato ad uno stimolante e costruttivo confronto tra i vari attori di questo nuovo progetto/percorso regolamentato dalla legge 107 del 2015 (La Buona Scuola) introdotto obbligatoriamente per tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori, come metodo didattico e di apprendimento sintonizzato con le esigenze del mondo esterno. Il progetto chiama in causa anche gli adulti nel loro ruolo di tutor interni (docenti) ed esterni (referenti delle aziende ospitanti) e che diventano in questo caso partner educativi della scuola per sviluppare in sinergia esperienze coerenti alle attitudini e alle passioni di ogni ragazzo/a.

Sono intervenuti esponenti di diverse realtà industriali del territorio, che hanno sottolineato l’importanza della sinergia scuola-azienda, anche per assestare il disallineamento spesso evidenziato tra domanda e offerta di lavoro, oltre alla necessità di far percepire al ragazzo una corretta interpretazione dell’impegno formativo/lavorativo, da percepire come naturale prosecuzione di occupazione e sacrificio al pari e superiore alla scuola e non come “diversivo” dagli impegni scolastici. Per questo è fondamentale il corretto affiancamento del tutor, da individuare non solo in un referente scolastico e aziendale, ma anche da lavoratori in pensione che possono mettersi al servizio come mediatori e formatori di giovani all’interno di aziende, come suggerito anche da analoghe esperienze estere. È stata altresì proposta la possibilità di creare un coinvolgimento di alunni ancor più giovani in questo progetto formativo, indicando e stimolando interessi creativi per facilitare e incentivare le naturali attitudini ed inclinazioni.

«L’alternanza scuola-lavoro – è stato sottolineato – viene in aiuto alla necessità di adeguare, proprio durante il percorso scolastico, le personali predisposizioni a quelle che sono le richieste del mercato, in modo da individuare proprio durante il l’itinerario formativo le opportunità, i contatti e le occasioni da cogliere, evitando di trovarsi nella paradossale situazione di studiare senza intravedere concrete possibilità di sbocchi lavorativi e senza una reale conoscenza dei processi produttivi del lavoro. È una competenza che può aiutare ad acquisire consapevolezza del contesto in cui si lavora e a poter cogliere le opportunità che si presentano mano a mano».

Dai numerosi interventi che ne sono seguiti, è stata ipotizzata dall’avv. Catani l’ipotesi di una Consulta per il Lavoro (così come già esistente per il Turismo), con lo scopo di coordinare le varie figure di aziende, docenti, presidi ed associazioni di categoria, attraverso una sinapsi di energie e competenze in grado di disegnare un importante tessuto formativo, creativo ed occupazionale, con progetti da prevedere non necessariamente durante i programmi dell’anno scolastico, ma anche in alcuni periodi delle vacanze estive.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.