“Alza il triangolo al cielo”, inaugurata la mostra sul femminismo

JESI- Inaugurata ieri pomeriggio, domenica 17 Novembre, la mostra “Alza il triangolo al cielo. Corpi, parole e spazi delle donne in movimento 1968/2018”, allestita nella Sala Maggiore di Palazzo dei Convegni.

Patrocinata e sostenuta dal Comune di Jesi– sezione Cultura, insieme alla Commissione per le Pari Opportunità e dalla Regione Marche, l’esposizione raccoglie materiale inedito dei movimenti femministi della Vallesina, messi a disposizione dalla locale sezione dell’Udi (Unione donne in Italia), dalla Biblioteca delle donne e dal Gruppo donna di Jesi, oltre a preziosi documenti ed immagini dell’Archivio di storia delle donne, della Biblioteca italiana delle donne e da altri archivi storici nazionali e internazionali.

Un percorso che si suddivide in quattro ambiti tematici: “Il se’ e le piazze”, riferito alle manifestazioni degli anni ‘60-’70, “lotto marzo 1977/2017”, che racconta il percorso che collega le manifestazioni locali agli scioperi globali, “I luoghi delle donne” racconta le reti di donne negli anni ‘80, e infine “Costumi e consumi”, che comprende tutto quello che dal 1968 ha portato ad un cambiamento del ruolo della donna.

Un’occasione questa, per celebrare i quarant’anni dall’emendamento della legge 194/78 sull’aborto e non solo, iniziata già con una forte affluenza a partire dall’apertura delle ore 17.00, e che proseguirà fino al 25 Novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, con un orario di visita che va dalle ore 09:00 alle ore 13:00, e dalle ore 17:00 alle ore 20.00.

“Questa mostra è il frutto di una sinergia tra associazioni e donne di Jesi e della Vallesina che racconta il cambiamento dei costumi e del ruolo delle donne, protagoniste della profonda trasformazione culturale e sociale dell’Italia a partire dal 1968. Un percorso che attraverso preziosi materiali di archivio darà vita ai corpi, alle parole e agli spazi delle donne che hanno caratterizzato l’Italia dagli anni sessanta fino a oggi.Anche accattivante, poiché parla il linguaggio dei giovani. Tante le realtà jesine che hanno lavorato per portare in città la mostra, già esposta lo scorso anno a Bologna, che sarà visitata al mattino da 28 classi, oltre 500 ragazze e ragazzi, delle scuole superiori.” – ha spiegato Paola Sabbatini della Casa delle Donne di Jesi, a cui si è aggiunta anche Selena Morici dell’Associazione Le Ragazze sono in giro: “Importantissimo il coinvolgimento di studenti e studentesse di quattro istituti scolastici jesini che faranno da guida all’esposizione”. La progettazione e la programmazione della mostra vede infatti la partecipazione degli studenti e delle studentesse del Liceo Artistico Mannucci, dell’ Itet Cuppari-Salvati, dell’Iis Galilei e del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci.

“Una bellissima squadra ha contribuito all’organizzazione di questo evento Questa mostra vuole riallacciare il filo della memoria e legarlo alle nuove generazioni. L’Assessorato alle Pari Opportunità è la casa del femminismo, di chi lavora per portare avanti le priorità politiche e sociali delle donne perché molte, ancora, sono le discriminazioni. La Regione Marche è la casa del femminismo, di chi si impegna per una parità sociale, culturale ed economica delle donne. Senatori come Pillon ci hanno dimostrato che possiamo perdere quanto abbiamo conquistato, per questo ritengo importante il lavoro delle realtà jesine.Lasciatevi contagiare dalla bellezza di questa mosta”- ha aggiunto l’assessora regionale Manuela Bora, ringraziando le associazioni jesine che hanno collaborato: Casa delle Donne, SpaziOstello, Casa delle Culture, Cgil Jesi, La Strada di Sergio, Sezione Udi di Jesi, Sezione ANPI di Jesi, Le Ragazze sono in giro e Ya Basta.

“Il cuore dell’esposizione sono le lotte delle donne contro l’oppressione che viene praticata nei loro confronti, sui loro corpi e sulla loro vita. Questa società non somiglia a quella che vogliamo per questo la mostra va vista da tutti” – ha affermato Giulia Sudano, Presidente dell’Associazione Orlando di Bologna, curatrice della mostra.

La mostra come punto di contatto quindi con tutto il territorio, ed in particolar modo con le scuole jesine che, come sottolineato dalle curatrici Samanta Picciaiola e Stefania Minghini Azzarello.

I prossimi appuntamenti sono previsti per venerdì 22 Novembre, ore 17:30, con Maria Moise, attivista e docente di Filosofia Politica all’Università di Padova e Tolosa II, proseguendo poi sabato 23 Novembre con un incontro su “Aborto Sicuro” con Marina Toschi della Rete Pro-Choise e con l’assistente sociale Loredana Galano.

Domenica 24 Novembre l’UDI, insieme alla filosofa e storica delle Donne Patrizia Caporossi e i collettivi Nate Intere di Ancona, Sisters on the block di Fano, Movimento donne contro i fascismi di Senigallia e Non una di meno di Macerata parleranno di “Femminismo e Neo- Femminismi”.

A chiusura della mostra, l’incontro di Lunedì 25 Novembre alle 17.30 con Sandra Petrignani, scrittrice tra le finaliste del Premio Strega 2018 sul Lessico femminile: l’incontro è accreditato dall’Ordine dei giornalisti delle Marche per la formazione obbligatoria.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*