Amazon all'Interporto di Jesi, c'è il sì: ora si lavora al contratto | Password Magazine

Festival Pergolesi

Amazon all’Interporto di Jesi, c’è il sì: ora si lavora al contratto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Amazon a Jesi: è sulla via di concretizzarsi il progetto di realizzare all’Interporto di Jesi est un nuovo centro di distribuzione logistica del colosso dell’e-commerce. Da quanto si apprende, il 3 gennaio scorso il Consiglio di amministrazione dell’Ente Interporto ha accettato all’unanimità la manifestazione d’interesse non vincolante formalizzata da Dpa (Dorica Trasporti e Amatori) e l’intermediario Scannell (il general contractor di Amazon) per l’insediamento di un mega hub da 66 mila metri quadrati destinato a diventare punto di riferimento per il Sud dell’Europa. Circa 1000 le assunzioni previste, con ricadute occupazionali enormi sul territorio di Jesi e la Vallesina.

L’investimento del gigante statunitense per la concessione dell’area – cifra non ancora confermata – si aggirerebbe intorno ai 4 e 5 milioni di euro.

Prossimi step quelli burocratici, il completamento della valutazione di impatto ambientale da parte del Ministero e l’acquisizione del parere favorevole da parte del Consiglio comunale di Jesi per l’approvazione della variante urbanistica necessaria alla realizzazione dell’infrastruttura. E poi la definizione del contratto.

Sulla questione, i gruppi d’opposizione manifestano le loro impressioni. Dopo le dichiarazioni del PD Jesi, Jesi in Comune ha depositato un’interrogazione da discutere in sede di Consiglio comunale: «La vicenda dell’insediamento Amazon nella zona interporto non è una questione privatistica che può essere gestita e decisa nelle segrete stanze e senza il coinvolgimento del consiglio comunale e della città intera. È una sfida cruciale per il futuro della nostra comunità che avrà conseguenze imponenti sotto il profilo economico, sociale, urbanistico ed ambientale. Non può decidere il Sindaco (tra l’altro a fine mandato) da solo, come fosse il presidente di un CdA di una società privata. Abbiamo tutti il diritto ed il dovere di poter partecipare al percorso decisionale e non solo alla fine, a giochi fatti, quando si tratterà di dare l’ assenso alla variante urbanistica. Per questo presenteremo anche un’interrogazione per il prossimo consiglio comunale, per chiedere appunto quali siano le intenzioni dell’amministrazione comunale rispetto alla condivisione, alla partecipazione ed alla trasparenza che fino ad ora sono mancate».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.