«Amazon, il progetto per Jesi è tramontato: l'investimento destinato alla Spagna». | Password Magazine

Festival Pergolesi

«Amazon, il progetto per Jesi è tramontato: l’investimento destinato alla Spagna».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – «Il progetto Amazon di Jesi è stato destinato a Valencia: lo ha detto Massimo Stronati in Regione, come riporta la stampa. Non è la notizia che avremmo voluto leggere». Così il candidato sindaco del centrosinistra Lorenzo Fiordelmondo in una nota:
«Dopo i festeggiamenti della delibera “elettorale” di San Floriano, emerge con chiarezza un quadro preoccupante determinato da una inconsistenza amministrativa, a tutti i livelli, disarmante. Pare si stia ragionando su un impianto più piccolo nel territorio di Jesi ma il progetto originale nella nostra città è tramontato e le responsabilità sono chiare soprattutto nei confronti della città di Jesi. Si mettono in discussione l’occupazione e lo sviluppo territoriale, come pure l’incasso di oneri di urbanizzazione da parte del nostro Comune, senza i quali molti investimenti previsti non avranno risorse sufficienti per la loro realizzazione. Noi ci impegneremo al massimo, attivando ogni livello istituzionale, affinché la nostra città possa accogliere lo sviluppo che merita, anche in campo logistico. È giunto però il tempo di cambiare».
fiordelmondo sindaco
Parole che fanno eco a quelle del gruppo PD Marche dopo il Consiglio regionale di oggi: «L’audizione di stamattina del Presidente di Interporto Marche Stronati ha portato alla luce una verità pesante come un macigno – si legge nella nota –  Amazon, a causa della debolezza della filiera istituzionale, ha infine preferito effettuare l’investimento relativo all’hub di riferimento centroeuropeo previsto sul territorio di Jesi in Spagna, a Valencia.
Sono emersi gli errori, l’assenza di una cabina di regia, la confusione e il rimpallo di responsabilità tra Regione Marche, Comune di Jesi, Interporto che hanno fatto perdere il tentativo prioritario di portare Amazon in Vallesina, quello dimensionalmente più cospicuo. In questo senso, la famosa “delibera di San Floriano” non ha prodotto alcun effetto concreto e pratico: rimangono le gravi responsabilità, tutte in capo a chi ha gestito la vicenda fino ad ora, che hanno portato al nefasto risultato della perdita dell’investimento nelle forme previste in quella prima ipotesi».
Tuttavia, non tutto è perduto: sono ancora in corso interlocuzioni con il general contractor Scannell per recuperare un eventuale investimento più ridotto nel prossimo futuro. Non più hub centroeuropeo, non più uno stabilimento dalle elevatissime potenzialità occupazionali, ma pur sempre un qualcosa di significativo per il territorio.
L’impegno politico, amministrativo, istituzionale del Partito Democratico a tutti i livelli – nazionale, regionale, locale – è sempre stato, è e sarà rivolto con tutte le forze alla realizzazione di uno stabilimento Amazon sul territorio di #Jesi, di qualsiasi dimensione e tipologia. Rispetto a questa nuova possibilità di un insediamento più piccolo, vogliamo imprimere una spinta unitaria, mettendo a disposizione tutte le nostre risorse per risolvere positivamente l’accordo con Amazon. Invitiamo il governo regionale ad apprendere dai propri errori del passato per aprire una nuova pagina, fatta di condivisione, coinvolgendo tutti i soggetti interessati al fine di rimuovere ogni ostacolo per portare a un esito finalmente positivo questo importantissimo treno per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.