American Horror Story | Password Magazine
Festival Pergolesi

American Horror Story

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

La serie statunitense American Horror Story in onda dal 2011 riprende le caratteristiche delle serie antologiche, ovvero ogni stagione ha protagonisti, personaggi e ambientazioni differenti. Unico tema conduttore è l’horror. Le critiche sono state subito positive, sia perchè la serie ha realmente le basi dell’horror, sia per l’imprevedibilità della trama, considerata una rarità nelle serie televisive. In effetti la serie fa davvero paura, a partire dalla colonna sonora e dalla sigla d’apertura, creata dal progettista del suono Cesar Davila-Irizarry e dal musicista Charlie Clouser. La regia non ricorda nessuna delle serie precedenti, come ad esempio X-Files. Essa infatti è completamente nuova, a passo con i tempi e sfrutta armoniosamente le ultimissime tecniche della ripresa video.

American Horror Story un crogiolo dei maggiori clichè dell’horror americano. Definito da uno degli autori un “thriller psico-sessuale” , prende larga ispirazione da una soap opera del 1966, tale Dark Shadows, alla quale Ryan Murphy (uno degli autori) era costretto ad assistere per vicissitudini familiari sin dalla tenera età. La trama della prima stagione è ambientata ai giorni nostri e parla delle peripezie di una famiglia segnata dalle vicissitudini della vita e che decide di cambiare città e iniziare da capo. In realtà nella nuova casa comincia l’incubo. Storie di sesso, amore, affetti famigliari si susseguono vorticosamente in una serie di colpi di scena. La seconda stagione, dal titolo Asylum, gioca molto di più sullo psico-horror, dove le angosce raggiungono livelli sublimi. La storia si svolge negli anni ’60 a Biarcliff, clinica per malati di mente, rifiuti umani e killer psicopatici. L’Asylum è gestito da suore con evidenti problemi relazionali, così come medici poco raccomandabili attratte dalle più assurde perversioni umane. Un pò come il pasoliniano Salò o le 120 giornate di Sodoma, tratto dal romanzo di De Sade, dove ricchi signori nazifascisti fanno rapire e sequestrare un folto gruppo di giovani ragazzi, di entrambi i sessi, con l’intenzione di usarli per soddisfare tutte le loro perversioni sessuali.

Una serie davvero adatta per gli amanti dell’horror, molto più ricca di molti film per il cinema, anche per la peculiarità e la possibilità dei continui colpi di scena.

Giuseppe De Lauri

 

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.