Amici del Verdicchio: «Nel vino la verità di un territorio»

In foto, gli Amici del Verdicchio partecipano al Palio di San Floriano organizzando degustazioni per i sindaci della Vallesina
JESI – L’Associazione Amici del Verdicchio dei Castelli di Jesi è un sodalizio nato il 5 maggio 2014 da un gruppo di amici ed estimatori con l’obiettivo di valorizzare un prodotto di eccellenza e al contempo promuovere il territorio attraverso la creazione di percorsi enogastronomici. Agli undici soci fondatori si sono aggiunti fino ad oggi diversi altri soci con una buona presenza di giovani appassionati.
Il vicepresidente Maurizio Marchegiani
Ce ne parla il vice presidente dell’associazione Amici del Verdicchio Maurizio Marchegiani.

Perché è importante creare una cultura del Verdicchio sul territorio?

«Il Verdicchio è un vitigno autoctono delle Marche, principalmente coltivato nei territori dei Castelli di Jesi e un’area più ristretta nel comune di Matelica. È dunque essenziale promuovere una sempre maggiore e approfondita informazione su un prodotto ampiamente premiato e molto amato dagli esperti , considerando che è anche uno dei vini italiani più esportato al mondo. Tutto ciò trova conferma nelle più prestigiose Guide dei Vini, che premiano l’alto livello raggiunto dai produttori del Verdicchio e la loro costanza di risultati nella qualità. Con queste premesse l’Associazione si propone di divulgare la conoscenza e la cultura legata al vino Verdicchio dei Castelli di Jesi».

È noto il detto latino In vino veritas. Nel vino c’è la verità di un territorio?

«Sappiamo che le terre su cui insistono questi vitigni hanno specifiche caratteristiche non riproducibili altrove. Sono terre argillose e calcaree, ricche di potassio, sfiorate dai venti del mare e con una buona esposizione al sole, tutti fattori essenziali per le particolari caratteristiche organolettiche del Verdicchio che è chiaramente legato a questo territorio».

Quali sono le attività svolte per arrivare a questo risultato?

«L’Associazione Amici del Verdicchio si impegna in prima persona a conoscere i produttori e i loro prodotti migliori con visite guidate alle cantine e ai vitigni. In occasione di particolari manifestazioni e in accordo con Associazioni vinicole di altre Regioni ha organizzato eventi con protagonista il Verdicchio dei Castelli di Jesi. Organizza e promuove corsi di avvicinamento al vino e corsi specifici per sommelier».

Recentemente avete pubblicato la brochure che traccia “Le vie del Verdicchio”. Di cosa si tratta?

«Raccogliendo le nostre forze e grazie all’aiuto di soci che si sono impegnati fattivamente, siamo riusciti a dare un valore aggiunto alle nostre iniziative creando una brochure intitolata “ Le vie del Verdicchio “. Questa vuole essere una prima guida per i visitatori occasionali, i turisti e tutti gli appassionati, che oltre ad ammirare le città, i monumenti ed i musei potranno conoscere lungo i percorsi segnalati produttori e cantine di un vino di eccellenza».

Progetti futuri?

«L’Associazione Amici del Verdicchio continuerà tutte le attività volte alla diffusione della cultura di questo prodotto. Inoltre promuoverà attraverso i vari punti di interesse la brochure “Le vie del Verdicchio” instaurando sinergie con le diverse Amministrazioni comunali e gli Enti preposti. Tutti gli eventi e le partecipazioni alle diverse manifestazioni sono pubblicizzate sulle pagine dei nostri social network».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*