Amministrative jesine 2017. Cesaretti, voglia di riprovarci? | | Password Magazine

Amministrative jesine 2017. Cesaretti, voglia di riprovarci?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

A cura di Marco Torcoletti

JESI – Sebbene fosse più che nell’aria, la candidatura di Massimiliano Lucaboni a primo cittadino di Jesi è ormai una certezza. A darne l’annuncio lo stesso coordinatore cittadino di Forza Italia, che correrà alla testa della lista Libera Azione Jesi. Domenica 18 è stata la volta di Uniti per Jesi, emanazione della medesima realtà targata Marche, tenuta a battesimo presso la sede del PSI di via delle Nazioni. Eppure, accanto alle strategie ufficiali, messe in campo da partiti e neonate associazioni, ultima delle quali, ma solo in ordine di tempo, Jesi in Comune, altro pare muoversi nel magmatico scenario jesino. Impossibile non notarlo: occhialini circolari dalla montatura nera, l’ex candidato sindaco alle amministrative del 2012 per l’allora Udc, Paolo Cesaretti, pare avere iniziato una campagna tutta sua, con la quasi giornaliera perlustrazione di strade, piazze e parchi cittadini, armato di bicicletta e smartphone.  Suo palcoscenico la pagina Facebook dall’ammiccante nome: I’m with him?

Dopo quattro anni, sta pensando di riprovarci?

«Confesso che ho provato fastidio nel modo con cui è stata portata avanti la campagna referendaria. Invece di aiutare a riflettere sulle conseguenze del voto si è detto di tutto e di più per disorientare l’elettore. Ho deciso che non posso stare a guardare mentre accade lo stesso per le prossime elezioni comunali. Così nasce “I’m with him” una piattaforma in cui i 5000 followers del mio profilo personale, di cui una buona parte è rappresentata da concittadini di tutte le età, possono osservare un selfie giornaliero dello spaccato cittadino: un invito a confrontarsi per rendere migliore la nostra Jesi».

Se fosse diventato sindaco, cosa avrebbe fatto di differente rispetto a Bacci?

«Niente se! In questi anni ha governato un sindaco e “non ho ancora camminato tre lune con le sue scarpe per poterlo giudicare”. Posso solo ringraziarlo, come cittadino, perché ci ha fatto dono del bene più prezioso, quattro anni del suo tempo, 24 ore al giorno 7 giorni su 7. Naturalmente il ringraziamento va esteso a tutti quelli che siedono nel Consiglio comunale.

Per il resto posso solo riferire la confidenza di un cronista locale che mi ha detto: Cesaretti la cronaca politica jesina non mi ha fatto vendere una copia in più».

Jesi è pronta ad un nuovo cambiamento?

«La mia è una vera e propria rivoluzione nel modo di sentire e fare, di vivere la comunità, di riconquistare ognuno il proprio ruolo. Non voglio che la mia città debba un giorno trovarsi a confessare il peggiore dei peccati: quello di non aver cercato di essere felice. Se non si affronta in modo intelligente queste elezioni il prossimo sindaco, a fine mandato, dovrà invitare i giovani ad abbandonare l’Italia perché qui non ci sarà futuro».

PAOLO CESARETTI

Nato a Jesi l’11 novembre 1958, Paolo Cesaretti è sposato e padre di una figlia. Laureato in Scienze Agrarie, la sua formazione si è arricchita negli anni con diversi master, l’ultimo dei quali sull’innovazione del prodotto, seguito alla Bocconi di Milano, che ne ha completato la formazione manageriale. Cattolico, crede che la famiglia sia il fulcro essenziale di una società sana e aperta. Il suo impegno nel sociale è maturato nelle file dello scoutismo jesino, che gli ha insegnato il valore civile della partecipazione nella società. La sua vita “politica” è iniziata nel 1978 dopo il rapimento di Aldo Moro. Come ci tiene a precisare, “in quel momento ho capito che la libertà non va delegata ma vissuta. Questa convinzione mi ha portato a militare attivamente nelle file della Democrazia Cristiana, di cui vado fiero, e sopratutto mi ha guidato nel lavoro”, dove ha promosso e tutelato il sistema cooperativo, prima in Confcooperative e ora come Brand Manager alla Trevalli Cooperlat.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.