Amministrative, Rifondazione comunista: "I fasti di Bacci" | | Password Magazine

Amministrative, Rifondazione comunista: “I fasti di Bacci”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Pubblichiamo di seguito una nota stampa inviata da Rifondazione comunista Jesi:

“Apprendiamo, che il Sindaco uscente, nonché candidato al secondo mandato di sindaco, attacca Rifondazione COMUNISTA .

Diciamo subito che anche il sindaco Bacci ha forse nostalgia per    quei fasti anche se vorebbe nasconderlo: , ha forse nostalgia di quando, in quegli anni, fu Presidente di “progetto jesi” e incaricato dal pd della s-vendita del patrimonio pubblico dei beni comunali (operazione fortunatamente in gran parte fallita), ha forse nostalgia di quando l’assessore allo sport della sua giunta (uscente)  sedeva  da consigliere tra i banchi del pd e di quando  altri  autorevoli  consiglieri comunali  della sua attuale maggioranza sedevano nella giunta Belcecchi…

Quello che non ha messo nel conto, il sindaco uscente, è che in questa città, ora c’è una coalizione di sinistra. Non ha simboli di partito perché dentro ci sono ragazze e ragazzi, uomini e donne che pur non avendo  appartenza partitica (o se alcuni ce l’hanno è scelta personale),  ritengono però  che sia arrivato il momento per costruire  a jesi modelli di città fondati sui bisogni dei cittadini, sulla partecipazione diretta alla vita pubblica….. sul diritto all’abitare, al lavoro, ai servizi….:

Quello che è importante, per noi, non è la visione ragionieristica di caselle del bilancio mai in rosso, ma   la salvaguardia di diritti oggi negati: si possono e si debbono superare gli steccati imposti dal pareggio di bilancio. Quel pareggio di bilancio amato sia da Bacci, sia dal pd  che  ha graziato  l’attuale sindaco e la sua amministrazione da qualsiasi seria e credibile opposizione.

I fasti del passato  di Rifondazione, che il nostro caro   sindaco uscente non vuole dire sono le 2 scuole antisismiche costruite, l’aver realizzato  il parco pubblico adiacente alla palestra Carbonari e al torrente Granita, l’aver impedito  la privatizzazione delle mense scolastiche, iniziata dal PD e conclusa da Bacci….

Per quanto ci riguarda, ci aspettavamo  dal sindaco uscente visioni di futuro e progetti di città che non derivassero dal passato e dal PD  o, peggio ancora, “regalati” da chi ha messo in crisi la nostra società incassando il premio europeo per la chiusura dello zuccherificio di Jesi … ma il sindaco uscente non ci ha dato  notizia né di un  futuro desiderabile né di fasti passati; da lui in questi anni  abbiamo avuto notizia invece  della svendita di Arca Felice, della privatizzazione delle mense scolastiche, di annunci e promesse a cui non ha dato seguito… e ci viene il dubbio che non  abbia dato notizia  agli jesini di tante altre cose che sarebbe stato invece molto interessante conoscere”.

 

Comunicato da: Rifondazione Comunista Jesi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.