Ampliamento discarica, il sindaco Domizioli: "La verità è nei fatti" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ampliamento discarica, il sindaco Domizioli: "La verità è nei fatti"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI SPONTINI – Il sindaco Umberto Domizioli e l’Amministrazione comunale si rivolgono di nuovo ai cittadini per chiudere il dibattito sollevato intorno al progetto di ampliamento della discarica riprendendo la questione nei suoi punti essenziali, con chiarezza e trasparenza. Non senza sottolineare l’atteggiamento di chi, sulla vicenda, ha voluto soltanto speculare.

“Abbiamo ascoltato tutto e tutti – scrivono gli amministratori in un manifesto – nel rispetto soprattutto di chi non sa, non conosce ed ha paura, e vive magari il dramma della malattia. Abbiamo ascoltato anche dubbi personaggi, cittadini e strane associazioni, amministratori e politici ‘sempre pronti’ ad accusare e contemporaneamente a dimenticare. Ci siamo presi offese ed accuse di ogni genere. Ma chi ha ragione? Dov’è la verità”. Ebbene: la verità è nei fatti. “I fatti dicono che questa discarica è il sito più controllato, esaminato, verificato e sicuro della Vallesina. I fatti dicono che non si è mai verificato un solo episodio di inquinamento, né del suolo, né dell’acqua, né dell’aria. Non essendo la discarica fonte di inquinamento (di nulla) non può essere associata a nulla. Mancano i presupposti logici e di fatto. Tutte le insinuazioni sono infondate e malevole. I fatti dicono: non è stato ma riscontrato nessun nesso con i problemi sanitari”. Le statistiche dei medici di famiglia, per quanto riguarda i tumori, sono in linea con quelli di tutta la regione.

Ma non solo. “I fatti dicono che con i soldi abbiamo garantito ai cittadini servizi di alto livello (in quantità e qualità), abbiamo finanziato associazioni, artigiani e commercianti, ristrutturazioni e installazioni di pannelli fotovoltaici e tante altre iniziative, abbiamo costruito scuole, biblioteche, strutture sanitarie, impianti sportivi, parchi pubblici e molto altro, a servizio dell’intero territorio. È forse per tutto ciò – si chiedono gli amministratori maiolatesi – che meritiamo di essere definiti ingordi e amorali?. Non capiamo, non accettiamo e condanniamo con fermezza chi specula sul dramma e sulla malattia, sulle sacrosante. A questi signori noi diciamo semplicemente basta”.

Sindaco e giunta comunale ricordano, inoltre, come il completamento dell’ampliamento riguarda rifiuti speciali che non sono recuperabili: la discarica non è un’alternativa al recupero e al riciclo. “Tali rifiuti speciali sono prodotti per il 90% circa nella regione Marche. La gestione di questa parte dell’impianto non incide in nessun modo sull’importo della bolletta che pagano i cittadini. In ogni caso l’incidenza delle tariffe della discarica sulla bolletta non supera mediamente il 15% del totale della bolletta stessa”. Rivendicano coerenza. “Abbiamo sostenuto sempre la stessa linea. Chi ci rimprovera di averla cambiato perché avevamo minacciato il blocco della discarica per non ricevere i rifiuti della provincia di Ancona dimentica che in quel periodo le stime della produzione dei rifiuti richiedeva una terza discarica con il rischio di esaurimento della nostra senza sapere dove noi avremmo conferito i rifiuti. Ora lo scenario è completamente cambiato”. Correttezza: “l’iter della richiesta di ampliamento è stato sempre portato avanti nella completa correttezza e consapevolezza di tutti i Comuni soci Sogenus che sono sempre stati informati di tutto (come verificabile dai verbali delle assemblee) e ai Comuni più direttamente interessati (tra i quali Castelbellino e Monte Roberto), secondo quanto previsto dalla normativa, fin dal luglio 2013 è stata trasmessa tutta la documentazione del progetto”.

Non è mai esistito, inoltre, alcun documento “che stabiliva o stabilisce la durata della discarica”, mentre i motivi della netta contrarietà che vengono sbandierati “sono molto semplici: vogliamo più soldi!”. Riguardo al rispetto dell’ambiente e della salute, si ricorda l’oasi della biodiversità, “uno dei più interessanti progetti nazionali di riqualificazione del territorio e di recupero della biodiversità locale all’interno di una discarica. I fatti parlano da soli: questa è la discarica già chiusa e così sarà quella in progetto dopo la chiusura: una gestione portata ad esempio a livello nazionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.