Ampliamento discarica, Provincia chiamata a decidere: da Belvedere e Castelbellino « BASTA!» | | Password Magazine
Lulù  

Ampliamento discarica, Provincia chiamata a decidere: da Belvedere e Castelbellino « BASTA!»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

VALLESINA – Sembrava tutto finito con la bocciatura della Provincia (determina n. 961 del 2016) ma in realtà il Comune di Maiolati Spontini e la Sogenus ricorrevano rispettivamente alla presidenza della Repubblica e al TAR Marche. Il 23 gennaio scorso, il TAR Marche respingeva i ricorsi con sentenza n. 63 e n. 72 del 2017.
Il procedimento quindi avrebbe dovuto avere termine, ma così non è stato. In data 24 gennaio la Provincia, nella persona dell’Ing. Sbriscia, chiedeva parere alla Regione (prot. 6784 del 24.1.2017, alla dott.ssa Damiani) sulla compatibilità dell’intervento di variante con i criteri localizzativi previsti dal nuovo piano regionale gestione rifiuti. In sostanza sembra che si tenti di asserire che il progetto non costituisca una modifica sostanziale o un ampliamento, in quanto non supera il 30% del progetto originario. Tutto si gioca su queste due parole “Progetto Originario”. Chiunque per progetto originario della discarica intenderebbe quello del 1985, ma pare che soltanto l’ing. Sbriscia e il Comune di Maiolati, che è il proponente, per progetto originario intenda quello del “Progetto di Ampliamento della Discarica La Cornacchia- 4° stralcio”, approvato nel 2005, dimostrando anche di non conoscerne il paragrafo 12.4 nella cui conclusione vi è riportato che “per ampliamento o modifica si considera anche il cumulo di interventi parziali ed effettuati in fasi successive nel progetto originario.

In data 1 Marzo la dott.ssa Damiani non ricopre più il suo incarico in Regione e viene sostituita dall’ing. Sbriscia, da poco passato in Regione. Regione che in data 6 marzo, a firma architetto Goffi, fornisce questo parere positivo alla variante di innalzamento, quindi dà parere favorevole alla ricezione di altri 200.000 metri cubi di rifiuti speciali. Ora, l’autorizzazione al procedimento di VIA (VALUTAZIONE IMPATTO AMBIENTALE ) è tornata alla Provincia, cui aspetta la decisione finale.

“Ci si augura che, oltre a quanto citato sopra, si tenga conto anche che la distanza dai centri abitati rappresenta una misura minima in ossequio ai principi di precauzione e di prevenzione – esprime il Comitato difesa diritti civici legalità e beni comuni – Nel procedimento relativo all’ampliamento orizzontale, bocciato in sede di VIA ed impugnato davanti al TAR MARCHE, che ha respinto l’impugnazione, l’ASUR e ARPAM con nota congiunta del 22 febbraio 2016 agli atti, riferiscono una serie di criticità sul piano della salute dei cittadini che risiedono nei comuni di Castelbellino e Maiolati Spontini. Pur non potendo ipotizzare alcun nesso causale tra la residenza nei due comuni e l’eventuale vicinanza ricaduta dell’impianto in oggetto, la ASUR ritiene che da questi risultati sia necessario adoperare una particolare attenzione, attraverso il controllo di eventuali nuovi e aggiuntivi contributi e pressioni ambientali nell’area”.

La normativa di settore prevede che tali tipi di impianti siano posti a distanza non inferiore a 2 km dai centri abitati. Orbene, seguendo i principi generali dell’ordinamento di precauzione e di prevenzione, ai sensi dell’art. 3 bis del D. l.gvo 152/06, ne consegue che i dati e le criticità rilevate dall’ARPAM in materia di salute pubblica, nonché la mancanza di studi approfonditi, non possano non indurre, proprio in applicazione del principio di precauzione e di prevenzione, all’emissione di un decreto di V.I.A. di giudizio negativo di compatibilità ambientale sul progetto.

“Il nostro territorio è coinvolto nell’iter di approvazione del progetto di Ampliamento della discarica “La cornacchia” di Moie. Da anni questa discarica ospita i così detti rifiuti speciali – rompe il silenzio Riccardo Piccioni, sindaco di Belvedere Ostrense –  Il nostro territorio ha già dato. Basta! Si sospenda immediatamente l’iter di ampliamento, ne va della salute di tutti noi. Intorno alla discariche e ai rifiuti, in questi anni in tutta l'Italia si sono addensati interessi di ogni tipo. Visto tutto quello che altrove è emerso, viene spontaneo domandarsi: perché si insiste così tanto a tenere in vita, oltre il suo tempo legittimo, un potenziale focolaio di malattie? Chi ha interesse a far ciò? C’è qualcuno forse che ci guadagna? Penso che sia ora che le istituzioni deputate a controllare e a vigilare si facciano carico dell’affare Cornacchia”.

Piccioni si interroga e lancia un appello: “Dove sono i partiti e i movimenti politici (tranne quei pochi che si sono fatti sentire)? Da Sindaco, essendo il responsabile della salute del mio territorio, esprimo la mia contrarietà all’ampliamento in oggetto, in assenza di sicuri studi epidemiologici e valutazioni di impatto sanitario, che altri territori hanno compiuto dettagliatamente”.

Anche da Castelbellino, Comune da sempre in prima linea nella battaglia contro l’ampliamento, arriva il NO dal gruppo consiliare di minoranza “Torre Civica”: “Diciamo Basta all’ennesimo ampliamento della discarica “la Cornacchia” di Moie di Maiolati”. Si legge in una nota stampa. “Siamo fermamente contrari ad ogni trattativa che porti ad un compromesso, anche in considerazione del fatto che la discarica sarà quasi esclusivamente adibita allo smaltimento dei rifiuti Speciali”. E aggiungono: “Noi della “Torre Civica” siamo contrari ormai da oltre 10 anni a questo processo inarrestabile di crescita della discarica della Cornacchia e lo avevamo previsto anche nel nostro programma elettorale: morte naturale della discarica per esaurimento! A tal proposito si consultino le delibere di consiglio n.5 del 30/11/2006, n. 14 del 5/5/2006, n.5 del 13/2/2008, n.69 del 29/12/2008 e n.69 del 28/10/2009, consultabili nel sito del nostro Comune. In particolare la mozione del 28/10/2009 fu votata all’unanimità dal Consiglio Comunale di Castelbellino con delibera n.69 ed il documento fu consegnato direttamente nelle mani dell’allora Presidente della Provincia di Ancona sig.ra Casagrande da una delegazione di consiglieri del Comune di Castelbellino sia in rappresentanza della maggioranza che della minoranza”. Infine, un altro estratto: “Questo territorio ha dato molto in termini di sopportazione, di sacrificio e di tolleranza, dimostrando un profondo senso civico. Sarebbe finanche una beffa se la Provincia autorizzasse questo ampliamento, proprio nel momento in cui la politica regionale sul tema rifiuti prevede che le discariche vengano realizzate ad una distanza minima di 2 km dai centri abitati. I cinquemila abitanti di Castelbellino chiedono e meritano rispetto, perché vivono in un territorio di appena sei kmq e già si trovano a convivere quotidianamente con un depuratore consortile che serve 12 Comuni, una centrale Biogas, un impianto di lavorazione degli inerti e “l’eterna” discarica di Moie di Maiolati”(nota stampa completa qui).

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.