Ancona e Macerata rosse, oggi scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa cambia | Password Magazine

Ancona e Macerata rosse, oggi scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa cambia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

ANCONA – Con l’ordinanza regionale firmata ieri dal Governatore, prosegue fino al 14 marzo la zona rossa per le province di Ancona e Macerata. Arancioni invece i territori di Ascoli, Fermo e Pesaro-Urbino.

 «Questa settimana, per la prima volta dallo scorso 15 novembre, l’indice Rt della nostra regione ha superato l’1 ed è stato confermato a 1,08 – commenta il presidente Francesco Acquaroli -. La curva pandemica mostra una ripresa e i numeri denotano un aumento dei contagi su tutto il territorio regionale, così come sta avvenendo in tutta Italia, anche a causa della presenza delle nuove varianti che mostrano una maggiore diffusività anche tra le fasce più giovani. Anche la prossima settimana il ministro Speranza ha confermato la classificazione delle Marche in fascia arancione. Questo significa che fino a domenica 14 marzo varranno totalmente le misure adottate con l’ordinanza che ho firmato».
Da oggi dunque le province di Ancona e Macerata sono in zona rossa, che prevede anche la Dad al 100% delle scuole di ogni ordine e grado e degli atenei, mentre quelle di Pesaro e Urbino, Fermo e Ascoli Piceno restano in zona arancione, con la Dad al 100% delle scuole medie, superiori e delle università, adottata con provvedimento regionale. Scatta oggi anche il Dpcm Draghi che cambia alcune regole per la zona arancione e la zona rossa.

In particolare, per la zona rossa è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori in zona rossa nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione.

Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessitàsia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie, negozi per l’infanzia.

Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie): resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio,  alle ore 22 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Per i bar e altri esercizi simili senza cucina, l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.

Restano comunque aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, gli itinerari europei E45 e E55, negli ospedali e negli aeroporti, nei porti e negli interporti.

Sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, ad esclusione da lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia, attività delle lavanderie industriali, altre lavanderie, tintorie, servizi di pompe funebri e attività connesse.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.