Furti anche a Natale. A Chiaravalle, uomo massacrato a letto con una spranga

VALLESINA – Continua anche sotto le Feste l’ondata di furti che sta imperversando in tutta la zona di Jesi e comuni limitrofi. Neanche a Natale, i ladri si sono risparmiati, anzi.

Nella serata del 25 dicembre, alcuni colpi sono stati messi a segno a Pantiere: furto anche alla villetta bifamiliare di Tania Luminari, presidente della delegazione jesina di Confcommercio e titolare del negozio di abbigliamento per i più piccoli “Il Bambino” di via Pergolesi che, tornando a casa dopo una cena a casa di parenti, ha trovato la propria abitazione e quella del fratello messa a soqquadro. Sottratti oggetti in oro per un valore di circa 2 mila euro.

Questa notte, a Jesi, la pizzeria Meo di via Saffi avrebbe subito un tentativo di furto mentre a Chiaravalle un pensionato di 53 anni, Giancarlo Sartini, è stato massacrato con tre colpi di spranga alla testa o con un bastone di ferro,  e trovato morto nella sua camera da letto. L’armadio era aperto e la stanza adiacente alla camera da letto completamente a soqquadro, ma non si sa ancora che cosa sia stato portato via. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’assassino sarebbe entrato da una finestra sul retro, trovata aperta (la porta era chiusa dall’interno) e avrebbe sorpreso la vittima nel sonno, senza dargli il tempo di reagire. Secondo il medico legale, Raffaele Giorgetti, il decesso risalirebbe alla scorsa notte. Nessuna traccia dell’arma del delitto.  

Sartini viveva solo nell’appartamento di via della Circonvallazione 23 e il cadavere è stato scoperto all’alba, dalla sorella. Ex dipendente di una ditta di pulizie dei treni, la vittima, un uomo alto e obeso, è stato trovato disteso a letto, in una pozza di sangue. L’inchiesta, coordinata dal pm Paolo Gubinelli, è condotta dai Cc del Reparto operativo di Ancona e della Compagnia di Jesi, si avvarrà anche degli accertamenti tecnici dei carabinieri del Racis. Sul posto si è recato anche il comandante provinciale dei carabinieri col. Antonio Concezio Amoroso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*