Ancora turisti a Jesi: arrivano anche dalle Hawaii e sono a caccia di spaghetti e Verdicchio | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Ancora turisti a Jesi: arrivano anche dalle Hawaii e sono a caccia di spaghetti e Verdicchio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Chi frequenta abitualmente il centro storico di Jesi non avrà potuto fare a meno di notarli: continua l’ondata di turisti nella città, pronta ad affollare musei, piazze e locali. Da lunedì scorso, diversamente da chi è rientrato a lavoro, sono arrivati nuovi gruppi: si tratta per lo più di italiani, soprattutto dalle regioni del nord e del centro del Paese, ma anche stranieri tra cui tedeschi e olandesi. A dirlo è l’Ufficio Turismo che ha registrato anche un incremento di svizzeri e francesi. Più sparuta ma comunque significativa la presenza di neozelandesi ed australiani. Quest’estate ha fatto visita alla città persino un gruppo di hawaiani.
Una volta a Jesi, visitano soprattutto i musei prima di ripartire e spostarsi in altri luoghi: dalla Pinacoteca civica, che ha fatto il “pienone” anche nel giorno di Ferragosto, al neo museo Federico II che, a neanche due mesi dall’apertura, ha già registrato oltre 4 mila visitatori paganti. Bene anche il Museo Diocesano, sempre ricco di iniziative e alla portata di tutti, grandi e bambini. Partecipate le visite guidate alla Casa Museo Colocci durante scorso week end, così come quelle agli scavi di Piazza Colocci, oggetto di curiosità e interesse di cittadini e turisti, in programma ogni mercoledì e venerdì fino al primo settembre. Tra i cibi più richiesti dagli stranieri ci sono gli spaghetti mentre altri vanno a caccia di produttori di vino e cantine per assaporare il biglietto da visita delle nostre terre, il Verdicchio 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.