Andrea Esposto, lo jesino in cammino verso Santiago di Compostela: l'inizio sotto una bufera | Password Magazine

Andrea Esposto, lo jesino in cammino verso Santiago di Compostela: l’inizio sotto una bufera

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Stasera mi bombardo di antidolorifici, con la speranza che domani le mie gambe non mi mollino».

Andrea Esposto, jesino quasi cinquantenne, è in cammino. E non su strade qualsiasi ma quelle che da un millennio scandiscono un pellegrinaggio ormai noto in tutto il mondo: il Cammino di Santiago.

Da est a ovest, dalla Francia a uno degli estremi lembi occidentali del continente sino a Muxia, in terra di Spagna, per più di 800 km.

Andrea è partito da Jesi il primo maggio, visita a Lourdes e, poi, l’inizio, la partenza, il giorno dopo, da Saint Jean Pied Port, la tappa di avvio del cammino francese.

Prima sosta proprio ieri, 2 maggio, nella mitica Roncisvalle dove la retroguardia dell’esercito di Carlo Magno e il paladino Orlando rimasero vittime di una imboscata mortale.

Per Andrea la fatica si fa sentire: strada tutta, o quasi in salita, 27 km circa  in mezzo a un tempo inclemente, «sotto una bufera con vento gelido. Tappa massacrante ma anche molto intensa a livello emotivo».

«Attraverserò i Pirenei – ci dice Andrea – e poi avanti, nel nord della Spagna, sino a Santiago de Compostela. Sempre se la gambe non mi tradiranno…».

E non finirà lì perché «se non avrò problemi fisici proseguirò sino a Finisterre, altri 3 giorni, e poi ancora sino a Muxia, un altro giorno di cammino. In tutto mi ci vorrà almeno un mese».

Un progetto nato nel tempo in quanto «era da parecchio che ci pensavo poi, per vari motivi, ho deciso di partire proprio in questo periodo. Avevo bisogno di ricaricare le mie energie e credo che la magia di questo cammino possa portare tutte le risposte che sto cercando. Comunque vada sarà una bellissima esperienza».

Buon cammino Andrea. Ti seguiremo.

a cura di Pino Nardella

1 Commento su Andrea Esposto, lo jesino in cammino verso Santiago di Compostela: l’inizio sotto una bufera

  1. Forza e coraggio. Se uno crede fortemente nel significato del cammino la distanza e la fatica del percorso si annulleranno rispetto all’emozione che si presenterà ai suoi occhi al momento dell’ingresso alla piazza della cattedrale di Santiago. Buon cammino

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.