Animali abbandonati o maltrattati, ecco a chi rivolgersi | | Password Magazine
Festival Pergolesi  

Animali abbandonati o maltrattati, ecco a chi rivolgersi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

ANCONA – Continua senza sosta anche durante il mese di agosto l’attività di vigilanza delle Guardie Zoofile e Venatorie nella Provincia di Ancona. Secondo la Lav le punte massime di animali abbandonati si registrano nel periodo estivo (25-30%), quando la partenza per le vacanze pone il problema della presenza di un quattro zampe. Per questo è importante prestare attenzione sapere precisamente a chi rivolgersi: nella nostra Provincia le associazioni ambientaliste Legambiente, Oipa e Wwf chiedono a tutti i cittadini, soprattutto in questo periodo, di collaborare e segnalare i casi di abbandono animali ma anche maltrattamento ed eventuali trappole per la fauna selvatica ai numeri 3485203250; 39349911663; 356020021. Si stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80mila gatti e 50mila cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti.

 

Nei giorni scorsi i volontari del Wwf e dell’Oipa di Ancona hanno eseguito un importante sequestro di trappole per la fauna selvatica nelle campagne di Senigallia. Le Guardie Zoofile hanno infatti rivenuto tre gabbie-trappola per la cattura di mammiferi selvatici, di cui una innescata per la cattura degli istrici, specie protetta dalla legge, posizionate nei pressi del fiume Misa. I volontari della Legambiente di Ancona invece, hanno salvato un cane da morte certa:. Ambra, una dolcissima breton, era detenuta nella zona della frana Barducci sotto il sole cocente senza acqua e in condizioni incompatibili e per questo si è reso necessario sequestrare il cane e ricoverarlo. Il proprietario identificato mediante il microchip, è stato denunciato per maltrattamento animali e ora rischia una pesante condanna fino a 18 mesi di reclusione o 30mila euro di multa.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.