Animali e Covid, l'associazione 4 Baffi: «Nessun rischio contagio». | | Password Magazine

Animali e Covid, l’associazione 4 Baffi: «Nessun rischio contagio».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sono tempi complessi, in una situazione inedita per tutti e quando si è posti di fronte a qualcosa che non si conosce ci si sente disorientati, preda di ansie e timori. Le notizie si rincorrono, si moltiplicano, a volte si contraddicono e non sempre è facile distinguere l’informazione corretta da quella distorta e dalle bufale. 

Negli ultimi giorni si parla sempre più spesso del coronavirus in relazione agli animali e anche in questo caso si sono generati allarmismo e confusione. L’Associazione 4 Baffi sente la necessità di far sentire la propria voce in proposito anche per far conoscere il valore dell’impegno di chi volontariamente si occupa dei nostri amici a quattro zampe. 

«Ad oggi le fonti più accreditate quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità ed il Ministero della Salute ribadiscono che non c’è alcuna evidenza che gli animali da compagnia siano un veicolo attivo di diffusione del Covid-19 e di contagio per l’uomo – fa sapere l’associazione -. Al contrario, siamo noi che dobbiamo tutelarli dal contagio adottando le stesse cautele che usiamo per i nostri cari: dobbiamo tenerli lontani dalle persone positive al virus e fare in modo che siano accuditi da persone sane e nella quotidianità è utile attenersi ad alcune norme igieniche basilari sempre valide, facilmente reperibili nei siti degli enti indicati. 

Noi vogliamo ribadire l’importanza di un’informazione puntuale e corretta, che eviti titoli ad effetto ed induca a pensare gli animali d’affezione – in particolare i gatti – come untori, poiché si rischia di favorire pratiche che ne compromettono il benessere, ci riferiamo a pratiche incivili e deprecabili come l’abbandono o la soppressione. Sono fenomeni esistenti che, attraverso il nostro impegno, cerchiamo di contrastare.

Il valore delle attività svolte da associazioni come la nostra si riflette sull’intera comunità anche se spesso non ci si rende conto. In particolare noi provvediamo al ricovero, alla cura, al nutrimento di gatti di strada e alla loro sterilizzazione per cercare di limitare il fenomeno del randagismo, indegno di un paese civile. Ci prodighiamo per trovare famiglie amorevoli per gatti adulti, anziani o cuccioli e ci prendiamo cura di alcune colonie feline presenti nel territorio di Jesi. 

Per far sì che il nostro impegno non sia in parte vanificato dalla situazione straordinaria creata dalla pandemia, consigliamo di prestare grande attenzione ai propri animali e di tenerli in casa, in particolare se non sono sterilizzati, poiché in questo momento è molto difficile uscire per poterli cercare e ritrovare. 

Inoltre in considerazione del fatto che attualmente il servizio veterinario di sterilizzazione dell’Asur è sospeso, prevediamo un incremento delle nascite nei prossimi mesi ed una conseguente difficile gestione delle nuove cucciolate: nel territorio jesino la situazione è ulteriormente aggravata dalla mancanza di un’oasi felina comunale. 

Se ci atteniamo alle regole, se mostriamo rispetto, gli animali non sono un problema per noi anzi, anche in questa difficile situazione possono rivelarsi ancora una volta nostri amici e alleati. Nelle lunghe giornate passate in casa sono una compagnia per le persone sole, uno stimolo di crescita affettiva e relazionale per i bambini ed uno straordinario legame d’amore per tutta la famiglia».

1 Commento su Animali e Covid, l’associazione 4 Baffi: «Nessun rischio contagio».

  1. Brave ,sono totalmente d’accordo ,prendiamoci cura dei nostri amici non li abbandoniamo saranno sempre riconoscenti e sinceri nei nostri confronti!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.