Animali (Jesi In Comune): "La classe dirigente jesina non è cambiata" | | Password Magazine

Animali (Jesi In Comune): “La classe dirigente jesina non è cambiata”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il candidato sindaco Samuele Animali, sostenuto dalle liste Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra, entra nel merito della notizia sull’ispezione del ministero dell’Economia e delle Finanze sui conti e le spese del comune tra il 2010 e il 2105. Rilievi ministeriali relativi all’ultima amministrazione Belcecchi, in particolare benefit concessi all’ex direttore generale, e all’attività dell’attuale amministrazione, relativamente ai compensi al Cda della società di cartolarizzazione Progetto Jesi nel 2015. “Sono sicuro che Bacci chiarirà nel migliore dei modi la sua posizione per Progetto Jesi – fa sapere Animali – Ma questo altro non è che uno dei tanti effetti della piena continuità nella classe dirigente jesina negli ultimi anni, a dispetto del lifting di cui questa giunta si è fatta per molti versi portatrice. Piuttosto: perché ritirare ora i rappresentanti dalla Fondazione? Sarebbe stato meglio chiedere loro di mettersi di traverso fin da quando era il momento”. Sotto la lente di ingrandimento anche questione dell’abbattimento dei pini di Largo Cordai, con i problemi ormai noti delle radici che sollevano la strada. Qui i tecnici hanno escluso danni alle abitazioni e come unica soluzione c’è l’abbattimenti di otto piante. “Finalmente si interviene. Abbattendo le piante. – spiega il candidato sindaco – La legge 10 del 2013 spiega che gli alberi monumentali vanno tutelati e prevede tra l’altro, l’istituzione di una Giornata nazionale degli alberi il 21 novembre di ogni anno, l’obbligo per i Comuni di rispettare standard minimi in materia di verde pubblico per abitante, misure per favorire la creazione attorno alle città di ‘cinture verdi’ e soluzioni architettoniche innovative quali le coperture a verde sui lastrici solari e sulle pareti degli edifici. Al di là del singolo caso (sarebbe utile conoscere più in dettaglio la valutazione degli esperti) da Sindaco mi preoccuperei di rendere conto della piena attuazione di questa legge e considererei la decisione irreversibile di abbattere – che è il risultato di errori in fase progettuale o di cattiva gestione e manutenzione – solo come estrema possibilità”. L’investimento in loco ammonta a 30mila euro e comprende il ripristino della pavimentazione, l’abbattimento e l’allestimento di un’area giochi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.