Banner Aprile IH Victoria

Antibiotici, il Carlo Urbani in prima linea per informare sull’uso corretto

JESI –In occasione della “Settimana Europea degli Antibiotici” l’ospedale Carlo Urbani di Jesi ha organizzato uno spazio espositivo al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica e il personale sanitario su un tema così importante.

“La resistenza agli antibiotici è in continuo aumento e rappresenta un importante problema di Sanità Pubblica. La causa principale di questo fenomeno risiede nell’uso scorretto, eccessivo e spesso improprio di questi farmaci“. Questo l’allarme dato dal personale dell’Ospedale Carlo Urbani di Jesi, in particolare dalla Dott.ssa Virginia Fedele, Direttore del Rischio Clinico, dal Dr. Marco Candela, Direttore dell’U.O.C. Medicina Interna e dalla Dott.ssa Anna Maria Schimizzi, Dirigente Medico Infettivologo dell’U.O.C. Medicina Interna. Per diffondere tale problematica e illustrare quando l’antibiotico è inefficace e inutile, l’Ospedale di Jesi ha organizzato uno spazio espositivo nei pressi della portineria fruibile dalle 9 alle 16 circa: chiunque volesse avere delle informazioni a riguardo, il personale medico della Medicina Interna di Jesi presente sarà lieto di darvi più nozioni possibili.

Gli antibiotici sono farmaci che servono per trattare le infezioni batteriche che possono colpire ognuno di noi e la resistenza a un antibiotico significa perdita dell’efficacia dello stesso nei confronti delle infezioni che così non potranno più essere adeguatamente trattate. Quella dell’antibiotico-resistenza è una vera sfida per questo secolo: le prescrizioni inappropriate, l’uso dell’automedicazione e il largo impiego degli antibiotici negli allevamenti degli animali concorrono allo sviluppo di questa piaga assistenziale. In Europa la situazione è allarmante e secondo quanto rilevato dall’Istituto Superiore di Sanità in Italia lo è ancora di più, la resistenza agli antibiotici si mantiene tra le più elevate e le previsioni future non sembrano confortanti. Nel 2050 si stima che nel mondo le infezioni batteriche da germi multi resistenti possano causare circa 10 milioni di morti, superando i decessi per tumore, diabete o incidenti stradali. “Ogni anno dal 7% al 10% di pazienti ricoverati in ospedale presenta un’infezione con batteri multi resistenti, con una mortalità che coinvolge circa 7000 casi in Italia e circa 33.000 nell’UE – spiega il Dottor Candela – siamo difronte ad una situazione allarmante che deve assolutamente essere recepita dalla nostra comunità”. Per contrastare tale fenomeno si sono attuati programmi di Stewardship antibiotica che ogni ospedale dovrebbe adottare e il GISA – Gruppo Italiano per la Stewardship antimicrobica – ha presentato al Ministero della Salute un decalogo finalizzato al corretto uso degli antibiotici e al contrasto dell’antibiotico resistenza in Italia. Tra i 10 punti spiccano l’importanza della copertura vaccinale, l’ottimizzazione dell’impiego di antibiotici in sala operatoria e la priorità nell’assistenza sanitaria del controllo delle infezioni. Ma anche noi nel nostro piccolo possiamo fare molto: un corretto lavaggio delle mani è fondamentale per veicolare la minor quantità possibile di infezioni e rinunciare al “fai da te” è altresì importante. Il 40% degli europei crede erroneamente che gli antibiotici siano efficaci nel combattere raffreddore e influenza: non solo non hanno alcun effetto, ma possono accelerare la comparsa e la diffusione di batteri resistenti.

A tal proposito, il GISA afferma “io uso gli antibiotici responsabilmente. E tu?”. È importante ricordare che tutto ciò che oggi facciamo al nostro corpo lo lasciamo in eredità ai nostri successori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.