Antichi manoscritti rubati restituiti al Museo Diocesano di Jesi | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Antichi manoscritti rubati restituiti al Museo Diocesano di Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Riconsegna di 3 volumi risalenti al 1700, sottratti da Jesi in epoca imprecisata

"Riconsegna di 3 volumi risalenti al 1700, sottratti da Jesi in epoca imprecisata".Intervista al Vescovo di Jesi Don Gerardo Rocconi e al Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Napoli, Maggiore Giampaolo Brasili

Pubblicato da Password – Magazine della Vallesina su Mercoledì 13 febbraio 2019

 

JESI – Tre volumi appartenenti alla Biblioteca Diocesana, dopo circa due anni dalla denuncia, sono tornati al loro territorio d’origine. Si tratta di tre manoscritti risalenti al 1700, sottratti in epoca imprecisata alla Biblioteca Diocesana “Pier Matteo Petrucci” di Jesi che, insieme ad altri due volumi appartenenti alla Biblioteca del Convento “SS Crocifisso” di Treia (MC), sono stati riconsegnati oggi al Vescovo Monsignor Gerardo Rocconi in rappresentanza di tutta la diocesi.

“Tutte le cose che avvengono nella Chiesa hanno una dimensione sia pastorale che culturale. Questa biblioteca è sempre più frequentata, con molto piacere da parte mia, dai giovani. Ora, man mano che la biblioteca ha preso queste dimensioni (si calcolano circa 400.000 presenze all’anno) è giusto prenderne consapevolezza. La consapevolezza di avere una ricchezza per tutta la comunità, e di averla riacquisita grazie all’operato dei Carabinieri”  dice Monsignor Gerardo Rocconi.

Grazie ad un lavoro scrupoloso da parte del TPC di Napoli, il Nucleo Operativo dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, con a capo il Maggiore Giampaolo Brasili, che ha seguito i canali di tragitto delle opere d’arte, questi manoscritti sono stati presto rilevati in un mercatino d’antiquariato a Roma. L’attività di recupero scaturisce da approfondimenti investigativi condotti nell’ambito di un’indagine complessa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Isernia: questo ha permesso di identificare, nel 2017 un vero e proprio crocevia di ricettazione di beni d’arte di provenienza furtiva, sottratti da luoghi di culto, istituti religiosi e biblioteche ubicati tra l’alto casertano e la provincia di Isernia.  Da oltre 40 anni, il reparto TPC di Napoli è un’eccellenza italiana, che grazie alla collaborazione dei Responsabili degli Uffici Diocesani, riescono a restituire il patrimonio culturale al loro territorio d’origine.

Ora, i manoscritti saranno riposti rispettivamente nella Biblioteca di Jesi e in quella francescana di Falconara, fino a quando la Biblioteca di Treia non sarà resa nuovamente agibile.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.