«Antifascismo: dalla teoria alla… teoria» | Password Magazine
Festival Pergolesi  

«Antifascismo: dalla teoria alla… teoria»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Antifascismo: dalla teoria alla… teoria». Così ribatte Jesi in Comune alle dichiarazioni del sindaco Massimo Bacci espresse nella lettera inviata al presidente del Consiglio Mario Draghi in cui chiedeva al Governo di sciogliere tutte le organizzazioni neofasciste.

«Apprendiamo dai social che il sindaco ha scritto (o almeno così dicono) al Presidente del Consiglio in persona per chiedere lo scioglimento delle organizzazioni fasciste. Era ora, ma che coraggio: questa maggioranza non ha voluto approvare l’ordine del giorno “mai più fascismi”; hanno messo sullo stesso piano tutti i totalitarismi perché a dirsi antifascisti fanno fatica, pure durante le celebrazioni del 25 aprile. Che coraggio da quelli che equiparano le foibe alla shoa, quelli che decidono di restaurare una scritta fascista in un ufficio pubblico, che hanno candidato la consigliera Cercaci nostalgica di Salò.
Che coraggio da chi ha candidato una consigliera comunale che si è poi candidata a sostegno dell’attuale Presidente della Regione Marche che partecipava alle cene in onore della marcia su Roma; quelli che hanno pubblicamente accusato l’Anpi di Jesi di strumentalizzare i partigiani; da quelli che hanno lasciato l’Istituto Cervi.
L’unica volta che Forza Nuova ha messo piede a Jesi con un banchetto sul Corso era l’ottobre 2017…indovinate chi governava il Comune?  Ma ora va di moda prendere la distane da Forza Nuova (per fortuna) e da questi parti si cavalca tutto, ma per loro sfortuna la Jesi antifascista e democratica ha la memoria lunga».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.