Anziana strattonata e scippata al cimitero, due stranieri arrestati per rapina impropria | Password Magazine

Anziana strattonata e scippata al cimitero, due stranieri arrestati per rapina impropria

Un'anziana signora scippata al cimitero, mentre era in visita al defunto marito. Strattonata e aggredita da due complici scippatori, è stata soccorsa dagli agenti del Commissariato di Jesi che, nel corso della giornata, hanno individuato e arrestato i due responsabili

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Anziana signora scippata al cimitero, mentre era in visita al defunto marito. Strattonata e aggredita mentre tentavano di portarle via la borsa, al punto da subire lesioni alle mani. Ecco i contorni della vicenda, di cui già ieri avevamo dato notizia.

Erano appena passate le 11.00 quando una volante del Commissariato di Jesi notava, nei pressi del cimitero, l’ anziana signora, cardiopatica e in condizioni di difficoltà, accasciata a terra con le mani insanguinate. Soccorrendola, la invitavano a raccontare il fatto accaduto.

La donna riferiva allora agli agenti che, di ritorno dalla visita al proprio caro defunto, all’uscita lungo la via Friuli era stata raggiunta alle spalle da un  giovane che gli aveva strattonato la borsa dalle mani. L’anziana aveva opposto una fervida resistenza, tanto da essere trascinata e subire delle lesioni ma l’ energumeno aveva alla fine avuto la meglio, dandosi alla fuga attraverso i campi. Successivamente, era stata poi soccorsa da un altro giovane, rivelatosi poi complice del precedente, il quale si era messo a rincorrere lo scippatore e promettendo all’anziana signora di restituirle la borsa.

Il fatto molto grave per la città di Jesi mobilitava nell’immediatezza gli agenti del Commissariato, agli ordini del Dirigente Michele Morra e in sinergia con le forze dell’Arma dei carabinieri, iniziavano sulla base delle descrizioni ricevute una caccia ai due individui.

I due criminali venivano poco dopo rintracciati presso la stazione ferroviaria: si trattava di T.E., cittadino liberiano, clandestino sul territorio nazionale, e di M.Y ucraino, entrambi del ’97.

Gli stessi negavano qualunque coinvolgimento ma, sottoposti a perquisizione, nelle tasche di uno dei due veniva ritrovata una moneta di 10 lire che la donna aveva indicato avere nella borsa.

Portati in Commissariato i due, dopo ore di interrogatorio, ammettevano il fatto e facevano ritrovare la borsa della signora. Tratti in arresto per rapina impropria commessa ai danni di una anziana e processati per direttissima questa mattina, il giudice ha confermato il carcere per il liberiano e disposto l’obbligo di dimora per il complice ucraino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.