Aperta l'Accademia musicale "Gaspare Spontini" | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Aperta l’Accademia musicale "Gaspare Spontini"

MAIOLATI – È stato un momento di grande spessore e interesse culturale l’apertura, avvenuta ieri (mercoledì 8 agosto) nell’ambito della rassegna “Trivio e Quadrivio”, organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune, dell’Accademia musicale Gaspare Spontini, realizzata nella sede della Scuola Pia d’educazione e d’insegnamento intitolata al compositore maiolatese, che si trova nel cuore del capoluogo.

A presenziare all’evento, il sindaco Giancarlo Carbini, l’assessore alla Cultura Sandro Grizi, in qualità anche di vicepresidente dell’Accademia, e Pierluigi Ruggeri, presidente della Fondazione Spontini (ex Opere Pie) e nominato presidente anche dell’Accademia. Sono intervenuti alla cerimonia il direttore artistico Giorgio Merighi e, come ospite d’onore, il tenore Gianfranco Cecchele, che questa sera (giovedì 9 agosto), al Teatro Spontini (e non più al Colle Celeste), riceverà il “Premio Gaspare Spontini”, assegnato nelle scorse edizioni a personaggi del calibro di Dimitra Theodossiu, Renato Bruson e lo stesso Merighi.

“La figura di Gaspare Spontini – hanno sottolineato il sindaco Carbini e l’assessore Grizi – rappresenta per il nostro Comune un patrimonio inestimabile. Un grande musicista, meno noto e apprezzato, soprattutto in Italia, di quello che meriterebbe, che tanto ha dato alla musica, oltre che al suo paese natale. Anche da qui parte l’idea di istituire e dedicare a Gaspare Spontini l’Accademia Musicale, per diffondere e coltivare la musica e fare in modo che, come Spontini da Maiolati portò la sua arte nel mondo, dal mondo vengano a Maiolati Spontini giovani artisti per perfezionare le loro qualità musicali all’ombra del nostro illustre concittadino. Per la sede dell’Accademia musicale è stata sceltala Casadelle Fanciulle. Sorge dentro le mura del castello: una scritta sopra il portone d’ingresso ricorda come lo stesso Gaspare Spontini abbia voluto questa casa per l’istruzione delle ragazze nel 1841. Ad essa assegnò un contributo annuo per la gestione della casa e per il vitto delle ragazze. Un apposito comitato di Signore dame di Maiolati aveva il compito di sorvegliare ‘sulla scuola pia di educazione e di insegnamento’. Il restauro dell’edificio, ormai non più con questa finalità, ne conserverà il ricordo legato alla generosità del Maestro”.

Gli allievi dell’Accademia hanno a disposizione quattro sale studio, dotate tutte di pianoforte, distanti poche centinaia di metri l’una dall’altra. Per lo studio dello spartito, l’Accademia mette a disposizione il salone Celeste (capienza 50 posti), proprio all’interno della Casa delle Fanciulle.

A dare prestigio all’Accademia, anche un nome di primo piano nel campo della lirica. Come direttore, infatti, è stato scelto il cantante Giorgio Merighi. Una vera e propria istituzione del bel canto. Ha iniziato a cantare all’età di quindici anni. A Pesaro ha proseguito la sua formazione fino al 1962 quando ha vinto il Concorso A. Belli di Spoleto e debuttato in “Un Ballo in Maschera” insieme a Renato Bruson. Sarà lui a tenere le lezioni di canto. I corsi sono aperti a cantanti italiani e stranieri con età inferiore ai 40 anni si richiede una conoscenza vocale di base anche se non in possesso di titoli accademici specifici. L’ammissione ai corsi avviene tramite audizione gratuita a Maiolati Spontini o in seguito alla valutazione del materiale audio/video inviato all’indirizzo info@accademiaspontini.it. Vengono ammessi solo 8 allievi per ogni corso, tutti ospitati gratuitamente in quattro miniappartamenti siti all’interno dell’Accademia. I corsi possono avere la durata di due settimane (corso lungo) o di una settimana (corso breve); il costo è di 1000 euro (alloggio incluso) per il corso lungo, 600 euro (alloggio incluso) per il corso breve.

Intanto prosegue la rassegna “Trivio e quadrivio”. Domani (venerdì 10 agosto è in programma un evento originale al Parco Colle Celeste (ore 21,30) dal titolo “Le nebulose planetarie: lo specchio futuro del nostro Sole” di Manilo Bellesi e Andrea Boldrini. A proporlo è l’associazione Vaghe stelle dell’Orsa, di cui fanno parte i due studiosi. La giornata di chiusura della rassegna, sabato 11 agosto, si articolerà in due appuntamenti. Il primo, dalle ore 17,30 alle 19,30, si svolgerà al Parco Colle Celeste dove bambini e ragazzi potranno cimentarsi con un mini laboratorio di giocoleria di base, a cura di Luca Ardenghi. L’evento serale, invece, avrà come scenario il centro storico del capoluogo collinare che si immergerà, dalle 21,15 fino a tarda notte, nelle atmosfere magiche del circo, grazie al progetto “Il circo nell’arte” a cura dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie e coordinato dall’insegnante Antonia Mingo. Il progetto ha coinvolto tutte le classi della scuola secondaria di primo grado e ha interessato le discipline di arte, storia, italiano, educazione motoria e musica. Attraverso lo studio di opere d’arte che hanno rappresentato il circo dalla fine dell’ottocento ai nostri giorni, gli allievi hanno ricostruito il Circo Fernando di Parigi visto con gli occhi ironici di Toulouse Lautrec, riproposto i saltimbanchi di Picasso e gli artisti sognanti di Chagall, fino ai giocolieri di Botero. Personaggi che “magicamente” prenderanno vita nel centro storico del castello.

All’interno della serata è prevista la performance “Giochi di fuoco” a cura di Elix & Zio.

Comunicato da: Comune di Maiolati Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.