Aperto a cena per protesta: ristoratore multato e locale chiuso per cinque giorni | Password Magazine

Aperto a cena per protesta: ristoratore multato e locale chiuso per cinque giorni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CINGOLI – «Mi hanno multato, sono arrivati in tenuta antisommossa come se fossi un terrorista». Così racconta in un video (per vederlo qui) Lorenzo Bravi, titolare del ristorante il  Boccale d’Oro di Cingoli che nei giorni scorsi aveva annunciato la volontà di restare aperto in barba al Dpcm. «Nel 2020 il mio fatturato si è ridotto a un terzo. Mi arresteranno? Non lo so. Arriverà una multa? Se non apro, non avrò soldi per pagare» aveva dichiarato in un filmato pubblicato su Facebook, riscuotendo numerosi messaggi di solidarietà da parte di amici, clienti e non solo.

Ieri sera l’arrivo dei carabinieri che hanno trovato il locale aperto a cena: «Mi hanno sanzionato con una multa di 280 euro e cinque giorni di chiusura. Ho pagato subito». E aggiunge: «Il Boccale d’Oro per ora dunque resta chiuso, sarebbe una mossa folle stare aperti. Continuerò con la seconda mia attività, il food-truck, il furgoncino che mi permetterà di cucinare in strada, sotto casa dei clienti».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.