Astralmusic

Appelli di solidarietà per Jago, si mobilita anche la consigliera Silvia Gregori

JESI – Continua la raccolta fondi “Jago non deve morire“, iniziativa lanciata sul web per sostenere le cure di un giovane pastore maremmano di due anni, cieco, affetto da una grave malformazione genetica agli ureteri destro e sinistro. Giuseppe e Patrizia, la famiglia di Jago, residenti Castelbellino, vorrebbero salvargli la vita ma occorre affrontare una spesa di 3500 euro tra l’intervento chirurgico in una clinica specializzata di Padova, visite, analisi, tac e degenza. Così hanno chiesto aiuto in rete.

«Tutti noi amanti degli animali possiamo aiutare Jago con un piccolo contributo». A raccogliere l’appello anche Silvia Gregori, consigliera del Comune di Jesi, che ieri pomeriggio si è recata a casa dei padroni di Jago.

«Sono stata accolta in casa di Patrizia e Giuseppe come una persona di famiglia e per questo li ringrazio – fa sapere la Gregori –  E’ stato emozionante conoscere Jago e Kelly, l’altro cane femmina che gli fa da guida,  in modo che la sua cecità non gli faccia sbagliare direzione. Jago è stato adottato da due persone che per il suo problema lo amano ancora di più ma ha bisogno di essere operato a Padova, in un centro specialistico, per continuare a vivere. L’operazione è troppo costosa per una famiglia con due stipendi normali, affitto, bollette, vita e imprevisti, pesa come un macigno ed è per questo che Patrizia Menechella e il suo compagno hanno attivato una raccolta fondi su FB e utilizzando una PostaPay sperando nella generosità altrui».

Patrizia e Giuseppe sono amareggiati perché sanno che purtroppo molte persone sono frenate dalla paura che sia una di quelle truffe che girano e che fanno leva sui bambini e cani per estorcere denaro: «Io stessa vi posso assicurare che è tutto vero e come Consigliere oltre che come persona sono stata felice di conoscerli di persona, perché avevo intuito che non c’erano raggiri ma solo un grande amore dietro, quello di Patrizia e Giuseppe, che regalano a Jago le stesse attenzioni che si possono riservare ad un figlio piccolo – ribadisce la Gregori – Non lasciamoli soli , facciamo sentire loro la nostra vicinanza e aiutiamo Jago a sopravvivere. Per donare, andate alla sua pagina Facebook dove è attiva la raccolta fondi che sta andando purtroppo troppo a rilento, adoperiamoci in questo Miracolo. Grazie».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*