Applausi al Piccolo per il "William Shakespeare" di Lucia Fiori | | Password Magazine
Lulù  

Applausi al Piccolo per il "William Shakespeare" di Lucia Fiori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In ogni teatro e da ogni pubblico sempre calorosamente applaudito il “William Shakespeare, un piede a terra l’altro fra le stelle…” scritto e diretto dal Soprano Lucia Fiori, accolto da lunghi applausi lo scorso sabato dalla platea del Teatro “Piccolo” di Jesi.

In palcoscenico con Lucia Fiori, l’attore Mauro Pierfederici, l’arpista Stefania Betti e la violinista Cecilia Bramucci, quattro interpreti d’eccezione per un copione che colpisce ed emoziona per le ardite teorie che esso espone e per l’incantevole musica antica eseguita. Sulla scena, fra teli rossi come la passione e stoffa azzurra color del cielo, è sicuramente la voce a fare da padrona, la voce della cantante-attrice Lucia Fiori e quella dell’attore Mauro Pierfederici, due voci intense, sostenute entrambe dalle brave Stefania Betti, arpista che dello spettacolo ha curato anche gli arrangiamenti musicali e Cecilia Bramucci, violinista. In un continuo fluire di musica e parola, di canto e di suono, di narrazione e musica, appaiono al pubblico, uno dopo l’altro, i tanti dubbi ed i tanti misteri legati a quello che è da anni unanimemente riconosciuto come un drammaturgo di genio: William Shakespeare e la narrazione coinvolge ed a tratti quasi sconvolge, per le ardite ipotesi su l’uomo e sull’artista Shakespeare che i quattro raccontano dalla scena ed in cui, come ci dice Lucia Fiori, non c’è nulla d’inventato ma solo tanto studio e tanta seria ricerca dietro, per provare a capire e tentare di scoprire una qualche verità. Superba interpretazione quella di Lucia Fiori di cui non si sa mai se lodare maggiormente le straordinarie doti vocali o la straordinaria verve scenica, sostenuta da Mauro Pierfederici, Stefania Betti e Cecilia Bramucci, tutti e quattro più che meritevoli del successo di pubblico e di critica fino ad oggi raccolto.

Lucia Fiori ha voluto dedicare lo spettacolo del 18 Febbraio al regista Jesino Dario Niccolini scomparso lo scorso 27 Novembre perché, come lei stessa ci ha detto: “non solo Dario Niccolini è stato uno dei creatori di quel delizioso e prezioso spazio che è il Teatro Piccolo San Giuseppe di Jesi e lì vi ha trascorso l’intera sua vita, vivendo ogni rappresentazione con l’energia e l’entusiasmo di un giovane innamorato, innamorato della drammaturgia e del palcoscenico ovviamente, ma anche perché credo che il titolo “William Shakespeare, un piede a terra l’altro fra le stelle” a Dario Niccolini calzi a pennello. Dario non è stato soltanto un bravo attore ed un bravo regista ma anche un buon padre, un buon marito, un buon amico, un buon collega di lavoro ed un meraviglioso nonno, affettuoso, disponibile, generoso, fantasioso e inutile dirlo, molto fuori dagli schemi, un nonno di quelli che ogni nipote vorrebbe avere insomma, anche Dario dunque, come tutte le brave persone che se ne vanno da questo mondo lasciando sulla terra bei ricordi, mille risate, tanta arte, tanta saggezza ed infiniti insegnamenti, anche lui, pur essendo dallo scorso novembre con un piede fra le stelle, è ancora e ancora resterà, con l’altro piede comunque fra noi, qui sulla terra appunto e più che mai sulle tavole del Piccolo di Jesi”.      

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.