Apre la Casa delle Culture. Jes! tra spazi da riabitare e luoghi del contemporaneo. | Password Magazine
Festival Pergolesi

Apre la Casa delle Culture. Jes! tra spazi da riabitare e luoghi del contemporaneo.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
L’assessore Butini alla conferenza stampa di presentazione di Jes! Day 3, presso il Chiostro di Sant’Agostino

JESI – Casa delle Culture in via d’apertura. Il centro culturale, spazio di condivisione per le associazioni cittadine, così come previsto dal programma di mandato di Bacci, sarà ufficialmente inaugurato sabato prossimo, in occasione della terza giornata/evento JES! Day. 

Non ci è ancora dato sapere quale sarà la sede di questa Casa delle Culture, circondata da un alone di mistero. L’Amministrazione comunale ha infatti voluto giocare sull’effetto sorpresa, decidendo di rivelare la location della struttura soltanto sabato.

L’appuntamento è fissato per le ore 16.00 in piazza Federico II per discutere in un momento di incontro e confronto con le associazioni cittadine, della progettazione partecipata del nuovo centro, da raggiungere insieme all’occasione.

Alle ore 18.00, il dibattito si sposta nella Chiesa di San Bernardo, in via Valle 3, per un incontro pubblico dedicato al tema del recupero degli spazi urbani e la presentazione della nuova azione di mappatura dei luoghi cittadini da riabilitare e ripensare creativamente.

Maggiori certezze, invece, sulla location dell’agenzia interstiziale Jes! che riapre il pubblico dopo la pausa estiva nella nuova sede di palazzo Santoni (vicolo Ripanti) alle ore 20.30, con un aperitivo nel corso del quale sarà presentato il secondo ciclo di workshop.

Terzo spazio protagonista della terza/giornata evento promossa da Jes!, il Mercato delle Erbe che, dalle 21.30, apre le porte ai concerti organizzati in collaborazione con HotViruz e Circolo Culturale Reasonanz (ingresso 3 euro).

“La giornata di sabato rappresenta la ricaduta positiva del progetto Jes! che coinvolge i giovani e attiva sinergie sul territorio – ha spiegato l’assessore alla Cultura Luca Butini – La priorità è quella scoprire quali sono le esigenze e gli spazi, alla ricerca dei vuoti – gli interstizi – economici, sociali e urbani della città”.

SABATO 5 OTTOBRE, GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

Nell’ambito della Giornata nazionale del Contemporaneo, il Comune di Jesi, il progetto Jes! e l’associazione artistica Inchiostro Simpatico collaborano per dare origine ai “luoghi del contemporaneo”: gli spazi della città si rivelano, si aprono allo sguardo dando voce ai diversi generi artistici in ambienti da riscoprire.

Uno di questi è il Chiostro di Sant’Agostino dove dal 5 al 13 ottobre, dalle ore 16 alle ore 19, sarà aperta al pubblico la mostra Pre_Senza, con le opere Chris Roccheggiani, Lisa Gelli e Luca Poncetta.

L’arte contemporanea attraverso la fotografia, la pittura e la scultura, per mano di artisti della zona, sarà invece oggetto d’esposizione presso il Palazzo dei Convegni, aperto al pubblico fino al 10 ottobre.

Altro luogo del contemporaneo sarà Palazzo Santoni che ospiterà, invece, fino al 20 ottobre, la mostra  di Marina Mentoni  C194 , CAMPITURE #2.

Nella Galleria degli Stucchi, Palazzo Pianetti, saranno allestite le opere realizzate dai ragazzi dell’Istituto d’Arte di Jesi mentre il Chiostro di Palazzo della Signoria sarà inaugurata la mostra con le sculture di Paolo Messersì e Paolo Tosti.

Punta di diamante della giornata è però la mostra di Niba, Autòmata, ospitata presso la Galleria d’Arte Contemporanea, fino al 27 ottobre. In occasione della Giornata Nazionale del Contemporaneo, la scultrice marchigiana Niba presenta a Jesi, presso la sala della musica del presitigioso Palazzo Pianetti, una serie di opere ispirate alla seduzione dell’artificio, dove la donna meccanica è metafora di feticismo sessuale e decadenza. Niba – artista di rilievo internazionale – propone bambole meccaniche con bustini stile boudoir fin de siècle, cariche di implicazioni freudiane che, associate alla nenia ripetitiva del carillon, creano effetti perturbanti, oscillazioni tra realtà e immaginazione che alludono ad una sorta di rituale amoroso fine a se stesso.

Nel centro della sala ottogonale sarà collocata una grande scultura di bambola meccanica che, come un carillon,  gira su se stessa al ritmo di sonorità che evoca la melodia delle scene finali del casanova di Federico Fellini.

La mostra sarà inaugurata sabato alle ore 18. Orari di visita dalle 10  alle 13 e dalle 16 alle 19, chiuso il lunedì.

Scarica il depliant

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.