Archivio Storico Diocesano Jesi, spuntano antichi manoscritti: se ne parlerà al convegno del 9 giugno | | Password Magazine

Archivio Storico Diocesano Jesi, spuntano antichi manoscritti: se ne parlerà al convegno del 9 giugno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nel corso del trasferimento dell’Archivio Storico Diocesano di Jesi alla sua nuova sede, avvenuto grazie alle somme messe a disposizione dai fondi dell’8 per mille,  nel 2012 sono stati ritrovati, nascosti in una delle soffitte in cui erano custoditi documenti di minore importanza, una serie di volumi manoscritti relativi alle cause criminali giudicate dal vescovo risalenti ai secoli XVI- XVIII.

Grazie alla pazienza e alla dedizione del dott. Diego Pedrini, collaboratore dell’Archivio di Stato di Ancona, sono stati oggetto di una lunga e accurata indagine i cui risultati saranno presentati nel convegno del 9 giugno prossimo. «L’evento  si presenta come una straordinaria occasione per la città di Jesi dove è stato fatto questo importante ritrovamento – spiega don Cristiano Marasca, direttore dell’Archivio della Diocesi di Jesi – i volumi tra l’altro sono tutti rilegati con vecchi palinsesti e frammenti e lacerti di pergamene medievali il cui studio in un secondo momento non è escluso che porti a ulteriori interessanti scoperte anche in altri campi d’indagine. Come Diocesi ci sentiamo onorati di poter ospitare questo evento, su tematiche sicuramente spinose ma che fanno comunque parte della nostra storia e della cui divulgazione non abbiamo paura confidando e conoscendo il rigore scientifico e onestà intellettuale degli studiosi che interverranno al convegno.»

Il convegno “Giustizia ecclesiastica e società nelle Marche di età moderna” è promosso nell’ambito delle attività di valorizzazione del patrimonio documentario e in particolare dei fondi di ambito giudiziario, dall’Archivio di Stato di Ancona e dalla Diocesi di Jesi – Archivio Diocesano, in collaborazione con l’associazione “Amici dell’Archivio di Stato di Ancona”. La manifestazione si terrà a Jesi venerdì 9 giugno a partire dalle 9.30, presso l’Aula magna della Fondazione Colocci in via Angeloni 3.

Nell’attuale contesto storiografico, che presta un’attenzione sempre maggiore all’azione dei tribunali ecclesiastici nell’Italia della controriforma, si avverte la necessità di procedere ad un aggiornamento degli argomenti pregressi e all’approfondimento di singole problematiche e di taluni soggetti meno analizzati. Nella giornata in oggetto, pertanto, saranno presentati una serie di contributi sulle tematiche in questione. In tal senso il convegno si articolerà in due sessioni nelle quali verranno sviluppate, da alcuni dei più eminenti studiosi e ricercatori italiani, sia le tematiche relative alle aree italiane che quelle specifiche del territorio marchigiano.

I relatori proporranno studi concernenti nuove indagini storiografiche basate su documenti inediti relativi a istituzioni giudiziarie locali e centrali, con particolare riferimento alle procedure adottate dalla giustizia ecclesiastica nelle sue articolazioni ed ai rapporti e legami esistenti tra le istituzioni stesse e la società di antico regime. Per l’area marchigiana verranno esposti i risultati delle ricerche negli ambiti di Sant’Angelo in Vado e Jesi, entrambi frutto di indagini su fondi documentali sino ad ora non esplorati e, specificatamente per Jesi, quelli del cospicuo archivio del suo tribunale vescovile. Saranno inoltre comunicate le risultanze dell’analisi della documentazione dell’Inquisizione per l’area marchigiana ed infine i rapporti tra uno dei tribunali centrali romani ed il clero locale. Come comparazione tra l’ambito regionale e quello più vasto, i relatori presenteranno le tematiche di casi specifici di aree particolari, come quelle di Bologna e Teramo, ma anche nuove interpretazioni del ruolo di organismi centrali dello Stato Pontificio.

Il direttore dell’Archivio di Stato di Ancona, Maula Sciri, si augura che «il convegno dia nuova vitalità allo studio dell’età moderna nelle Marche, regione che rappresenta un punto di straordinario interesse storiografico non solo relativamente al ricchissimo patrimonio archivistico, ma anche per la vivacità sociale e culturale che contraddistingue questo territorio».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.