Area cani all'ex Smia, il portavoce dei proprietari: "Basta polemiche, dateci fiducia e lavoriamo insieme" | | Password Magazine

Area cani all'ex Smia, il portavoce dei proprietari: "Basta polemiche, dateci fiducia e lavoriamo insieme"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da: pagina Facebook Parco Mattei, Jesi, ex Smia

JESI – “Un sogno che si realizza, una promessa mantenuta, grazie Massimo Bacci” . Con queste parole Paolo Gubbi, portavoce dei proprietari dei cani, interviene sulle polemiche relative allo sgambatoio per cani in fase di realizzazione nel quartiere ex Smia. “Quello che ho letto, sentito e visto riguardo questa vicenda non mi meraviglia più di tanto, a parte il commento di vecchi amici che da quasi cinque anni vivono di nostalgia di un passato che ha ridotto Jesi in quello stato pietoso che era –  continua Gubbi – Lo sgambatoio per cani, in una parte del quartiere San Giuseppe, di cui qui all’ex Smia facciamo parte, è un atto di civiltà, di rispetto e di tolleranza contro ogni pregiudizio, prepotenza e di sfiducia da parte di quei cittadini che altro non sanno fare che raccogliere firme per petizioni contro tutto e tutti. In 18 anni che vivo qui, non ho mai sentito dire qualcosa di favorevole su quello realizzato o fatto in questo quartiere, c’era e c’è sempre qualcuno contro, a volte o spesso senza motivo, con critiche gratuite e poco costruttive. Il parco è un problema, i giochi sono un problema, i bambini che giocano sono un problema, le biciclette sono un problema, i cani che abbaiano e defecano sono un problema, le case popolari sono un problema, i parcheggi sono un problema, le vie strette sono un problema, le vie larghe e veloci sono un problema, la fontana è un problema, gli anziani che si lamentano sono un problema, il gioco del pallone è un problema, il campetto da calcetto (abusivo) è un problema, fare integrazione è un problema, mi fermo. Criticare, demonizzare, essere diffidenti su tutto e su tutti è facile, consueto e più comodo che dare fiducia, rispettare il prossimo. Siamo così prevenuti che non c’è più spazio alla civiltà, alla buona fede e alla speranza che esistono persone e risorse che possono cambiare questo modo di vivere e pensare”. A nome di tutti i proprietari dei cani dell’ex Smia “vi chiedo di darci fiducia e di non alimentare altre polemiche oltre a quelle numerose, faziose e prepotenti fatte fin qui. Avete fatto già petizioni, riunioni, avete già parlato con l’Amministrazione e non sempre rivolgendole parole degne di persone civili. Ora che l’area sta sorgendo sotto i vostri occhi ancor prima che sotto le vostre case, la realtà prende il sopravvento sulla vostra negativa immaginazione e si materializza ancora in paura e pregiudizio. Dateci fiducia, vi chiediamo di metterci alla prova, dateci, una volta nella vostra vita, una possibilità invece di dire sempre no e basta. Aiutateci anche voi affinchè l’area che vedete sotto le vostre case non diventi un cagatoio, noi faremo la nostra parte, è un impegno, prima che una promessa, quello che prendiamo. Ci sarà un regolamento da rispettare e faremo del nostro meglio affinchè lo si rispetti. Ci sarà da fare manutenzione da parte nostra perchè l’Amministrazione ci ha già detto che non riuscirà a stare dietro a tutto. Ci metteremo la faccia, l’impegno e la passione che sono requisiti che chi vuole bene veramente ad un cane possiede. Prima di continuare la guerra, fermatevi e dateci fiducia, non è facile ma provateci, per favore! Per noi è come un regalo di Natale, faremo la nostra parte!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.