Area Cani di via del Burrone, il Comune rassicura cittadini: «Si farà».

JESI – Sgambatoio al campo sportivo Cardinaletti, i cittadini chiedono risposte. Il comitato Area Cani di via Del Burrone ha sollecitato l’Amministrazione affinché risolva definitivamente una problematica che si sta trascinando da tempo nella zona attorno agli impianti sportivi di Via Tabano. La scorsa estate, la Giunta aveva approvato il progetto predisposto dall’Area Servizi Tecnici che individuava come area di sgambatura quella posta a fianco del lato lungo del campo sportivo “Cardinaletti”, per una dimensione complessiva di oltre 3 mila metri quadrati e ad una distanza non inferiore ai 40 metri dalle abitazioni presenti. Un investimento da parte del Comune di poco meno di 13 mila euro per recintare l’area, dotarla di cancelli, fontana e arredi. Poi però, da quest’estate, nulla di fatto. Ora che è spuntato anche un imprenditore disposto a contribuire a un progetto per 5 mila metri quadrati, il comitato è preoccupato per l’ennesimo dilatarsi dei tempi: «Risale al 2009 la prima richiesta di un’area di sgambatura inoltrata alla vecchia Giunta Belcecchi  – spiega il portavoce del comitato Paolo Possanzini – Un successivo tentativo venne fatto nel 2015, durante il primo mandato di Bacci. Anche allora furono trovati copertura e sponsorizzazioni ma di fatto il progetto non si concretizzò. Ora che abbiamo trovato un imprenditore interessato e nuovi sponsor, temiamo di perdere l’ennesima occasione».

Il comitato, inizialmente partito con oltre 100 adesioni, vuole vederci chiaro: «In una città in cui l’anagrafe canina registra circa 8 mila cani, abbiamo bisogno di più spazio  – spiega Possanzini – Vogliamo sapere dall’Amministrazione se c’è o no interesse a realizzare questo impianto e se subito. Finché non vediamo i picchetti, non siamo tranquilli».

Pronta da piazza Indipendenza la risposta del Comune: «L’area cani si farà. La decisione di andare avanti era già stata presa, ci sono anche i fondi. Ben presto, sarà contattato il comitato per rinnovare la proposta di gestione dell’area».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.