Area Vasta 2, i sindacati scrivono a Ceriscioli

ANCONA – Appuntamento di domani (venerdì 30) tra il il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, nel palazzo della Regione, e le Organizzazioni Sindacali Regionali Cgil, Cisl e Uil sui tagli ai Fondi Contrattuali dei lavoratori delle Aree Vaste dell’ASUR Marche. Intanto le sigle sindacali scrivono una lettera aperta a Ceriscioli:

“Se il 2 marzo 2016 l’A.S.U.R. Marche (con Determina n.98 del proprio Direttore Generale, Dott. Alessandro Marini) ha potuto assegnare dal 1° gennaio 2015 una Progressione Economica Orizzontale (P.E.O.) a tutti i propri dipendenti in servizio in Via Oberdan 2 in Ancona, lo ha potuto fare perché ha costituito il proprio Fondo delle P.E.O. con le risorse economiche prelevate dai Fondi delle P.E.O. delle Aree Vaste 1 (Pesaro, Urbino e Fano) e 2 (Senigallia, Jesi, Fabriano e Ancona). Rispettivamente un prelievo di € 42.008,13 dall’Area Vasta 2 ed € 1.779,51 dall’Area Vasta 1. Senza che le RR.SS.UU. delle Aree Vaste 1 e 2, pur trattandosi dei propri Fondi Contrattuali, abbiano avuto la possibilità di poter dire la loro, che sarebbe stato del tutto “legittimo”, beneficiando di quella “qualità della partecipazione e del confronto”, che proprio Lei, Preg.mo Presidente, aveva riconosciuto e promesso di garantire al cospetto di tutte le componenti sindacali, firmando il Protocollo d’Intesa regionale del 27/07/2015. In data 13 settembre 2016, l’A.S.U.R. ha emesso una Linea Guida in materia di costituzione dei Fondi Contrattuali anni 2015-2016, rivolta alle Aree Vaste, imponendo alle ivi Direzioni di produrre complessivamente un “incomprensibile” taglio di 5 milioni e 500 mila euro ai Fondi Contrattuali dei lavoratori delle Aree Vaste (sulle “voci” P.E.O., Produttività, Indennità e Straordinario). La Linea Guida dell’A.S.U.R. è concettualmente “irricevibile”, del tutto “irregolare”, sia rispetto alle puntuali direttive emesse dalla Regione Marche in materia di definizione dei Fondi Contrattuali degli Enti ed Aziende del S.S.R. (Deliberazioni della Giunta Regionale n.1160 del 01/08/2011 e n.1156 del 29/07/2013), regolarmente applicate, sia rispetto al novero delle pubblicazioni emesse dalla Corte dei Conti su tutto il territorio nazionale. L’A.S.U.R., pretendendo “oggi” nuove “assurde” riduzioni – che non hanno alcuna ragion d’essere e che non possono assolutamente funzionare, essendo state già registrate le decurtazioni previste nel periodo dal 2011 al 2014 – stravolge, in maniera “clamorosa” ed “inaccettabile”, la stessa finalità della norma rivolta alla P.A, quella cioè di definire semplicemente i Fondi Contrattuali in misura “proporzionata” ai dipendenti in servizio. L’Area Vasta 2, contrariamente all’A.S.U.R., ancora non ha avuto occasione di assegnare le P.E.O. ai propri dipendenti. Adesso, a causa di questa Linea Guida, non tutti i dipendenti dell’Area Vasta 2 aventi diritto avranno la possibilità di usufruire dell’assegnazione di una P.E.O., contrariamente ai dipendenti dell’A.S.U.R., i cui aventi diritto, hanno tutti potuto godere del beneficio economico. Eppure i dipendenti dell’A.S.U.R., alla pari dei dipendenti dell’Area Vasta 2, hanno sempre votato, e votano, per la R.S.U. dell’Area Vasta 2. Tutto ciò, Preg.mo Presidente, ci appare molto “ingiusto” ed “iniquo”. Altro che “lotta alla difformità di trattamento economico” in ambito sanitario. E chiaro che ormai l’A.S.U.R. non possa più assurgere ad Organismo di “garanzia” in tal senso. Nemmeno più all’altezza per quella riforma sul Sistema delle Relazioni Sindacali e della Contrattazione, per propria evidente colpa. Questa è “disparità e discrimine” allo stato puro rispetto al trattamento economico e alle condizioni di lavoro”.

 

 

Comunicato da: La R.S.U. dell’Area Vasta 2 ed OO.SS. territoriali

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*