Areia, il nuovo album di Giovanni Brecciaroli: «Una ribellione musicale alla pandemia» | Password Magazine

Areia, il nuovo album di Giovanni Brecciaroli: «Una ribellione musicale alla pandemia»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Insegnante di canto generoso e puntuale. Arista poliedrico e camaleontico, capace di impiegare l’arte del canto e della musica in ogni sua forma, seguendo il proprio talento: dal canto lirico al flamenco, senza dimenticare la sua vena rock, fino a questo suo ultimo lavoro: «Areia»  L’ album è nato dalla collaborazione con Giordano Tittarelli e viene dopo il cd del 2018 “Flash Star”, pubblicato come JJProject. Lui è Giovanni Brecciaroli. Lo abbiamo intervistato:

areia brecciaroli
Areia, la cover del nuovo album di Giovanni Brecciaroli.

Areia se non sbaglio in portoghese vuol dire sabbia. Cosa ti ha ispirato a queste nuove sonorità, tra l’altro piacevolissime?

«L’album è nato in pandemia come risposta al brutto periodo che stavamo affrontando. È stato creato pensando al mare, alla sabbia, alla spiaggia. Una sorta di ribellione musicale» .

Cosa racconta questo nuovo album?

«Parla un linguaggio nuovo, diverso dal solito, una contaminazione molto particolare tra bossa e flamenco, con risultati sorprendenti. Racconta tante storie, una diversa dall’altra: amori estivi, sere trascorse in riva al mare, parla di albe bianche e tramonti infuocati» .

In questo periodo storico in cui la musica e il mondo della cultura sono molto in difficoltà, oserei dire martoriati, uscire con un nuovo album è un messaggio di forza, di speranza e un modo per ricordare che la musica può fare molto. Da artista e come insegnate di canto, come vivi questo momento?

«Come artista è un dramma. Il teatro, i concerti, tutto è fermo e rimane solo la speranza di un 2021 migliore. Come insegnante il contatto che è continuato sia in presenza che in didattica a distanza è un aiuto per i ragazzi che nella loro ora di musica riescono a distrarsi un poco» .

Giovanni Brecciaroli, uno nessuno e centomila. Cosa vuole fare da grande, maestro?

«Bella domanda! Dopo il cantante, il chitarrista, il liutaio, forse farò il compositore. È nata da poco una bella collaborazione con la casa discografica Sonicart di Paolo Antonelli, un ramo del colosso americano Soundreef che sta dando ottimi risultati» .

 

A cura di Catiuscia Ceccarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.