Arrestata la banda dei rapinatori delle Poste

ANCONAPianificavano le rapine con lo stesso metodo criminoso: entrare in azione all’inizio o a fine giornata, minacciando i direttori degli uffici postali con delle armi per farsi consegnare i soldi e poi dileguarsi sempre a bordo della solita Fiat Uno bianca rubata. Presi di mira sempre uffici postali periferici o comunque localizzati in punti strategici per la fuga. Ma il sodalizio criminale di stampo catanese è stato sgominato nel corso di una bella operazione condotta dalla Squadra Mobile di Ancona diretta dal vice questore aggiunto dottor Giorgio Di Munno.

Questa mattina alla Questura di Ancona sono stati illustrati i dettagli dell’operazione dallo stesso capo della Mobile. Ci sono voluti mesi di indagini, di filmati in visione, di frammenti di impronte digitali comparati e ricostruiti, e poi riconoscimenti visivi e testimonianze delle vittime ma oggi, tre pericolosi rapinatori sono stati arrestati in esecuzione di misure restrittive emesse dal Gip del Tribunale di Ancona Carlo Cimini su richiesta del pubblico ministero Rosario Lioniello che ha coordinato l’inchiesta. In manette sono finiti Roberto Arcidiacono, catanese di 44 anni residente proprio in Sicilia e i suoi due basisti sul territorio, i fratelli Ettore e Giovanni Salvatore Virgata, catanesi anch’essi rispettivamente di 46 e 54 anni. Pregiudicati e residenti da una decina d’anni in Vallesina, a Santa Maria Nuova, non erano nuovi a reati contro il patrimonio e contro la persona. Ma erano proprio loro, radicati da tempo sul territorio, il perno dell’organizzazione criminale.

Fornivano indicazioni logistiche, effettuavano gli appostamenti, andavano a fare i sopralluoghi come normali clienti prima di colpire in modo da studiare la situazione. E riferivano poi al complice. Sono stati arrestati nei giorni scorsi presso le proprie abitazioni. Vengono contestati loro i reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine in concorso e a mano armata (infatti hanno agito armati di taglierino e di una pistola), oltre al reato di ricettazione in quanto usavano una macchina rubata per scappare dopo i colpi. Secondo la ricostruzione della Sezione Criminalità Organizzata della Questura, sono ritenuti responsabili della tentata rapina del 4 ottobre scorso nell’ufficio Postale di Torrette di Ancona. Solo tentata, in quanto il piano saltò proprio per l’intervento della Mobile allertata per la presenza di “persone sospette” all’ufficio postale. I banditi erano stati bloccati prima di commettere il fatto e non essendovi la flagranza di reato, erano stati subito rimessi in libertà. Ma era tutto studiato perché gli investigatori sapevano perfettamente che si trattava di una banda dedita alle rapine. Nel frattempo sono stati acquisiti ulteriori elementi probatori utili a inchiodare i tre alle rapine del 26 maggio scorso alle ore 13,15 all’ufficio postale di via Fausto Coppi di Jesi dove avevano costretto la direttrice a consegnare loro le chiavi della cassaforte (contenente quasi 3.000 euro) e del 19 giugno a Candia di Ancona, alle 7,50 dove i banditi attesero il direttore e sotto la minaccia di una pistola e di un taglierino riuscirono a farsi consegnare circa 30.000 euro. In entrambi i casi, i rapinatori erano fuggiti a bordo di una Fiat Uno risultata poi rubata a Falconara Marittima qualche settimana prima.

E se la maxi operazione della Squadra Mobile ha permesso di rinchiudere al carcere di Montacuto  questi soggetti (ora in attesa dell’interrogatorio di garanzia), l’indagine non è ancora conclusa. Si stanno verificando ulteriori elementi per stabilire le responsabilità di una quarta persona, quella che proprio durante la tentata rapina di Torrette riuscì a fuggire a piedi. Ma è già stata individuata, ha un volto e un nome. Al vaglio degli inquirenti anche la posizione di altri soggetti che potrebbero ruotare attorno al sodalizio criminale, forse con ruoli marginali. La caccia dunque, continua.

 

A cura di Talita Frezzi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*