Arrestato per rapina, esce dal carcere e torna in manette dopo 4 ore per droga

JESI – Esce dal carcere alle 13,00 e dopo 4 ore viene nuovamente arrestato per un nuovo reato. Si tratta di G.M, il 32enne arrestato mercoledì scorso (13 aprile) per la tentata rapina commessa ai danni di due cittadini pakistani, insieme ad altri due complici

Nella giornata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo diretti dal tenente Maurizio Dino-Guida, con una squadra sul campo capeggiata dal maresciallo Fabio Del Beato, hanno arrestato un’altra volta il giovane – italiano, domiciliato a Jesi ma originario di Brescia –  poiché colto nella flagranza di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel prosieguo delle attività investigative connesse all’arresto dei tre rapinatori, i militari del Nucleo Operativo, avendo rinvenuto in casa di G.M. alcuni “libri mastro” con nomi fittizi e strane sequenze di numeri e ritenendo che l’attività criminale dei tre non si fosse esaurita, decidono di pedinare i tre  individui sin dall’uscita dal carcere dove erano stati rinchiusi dopo la tentata rapina.

G.M., a cui il GIP aveva applicato l’obbligo di dimora nel comune di Jesi, uscito dal carcere alle ore 13,00 circa, dopo neanche 4 ore, ritornato a casa,  di gran carriera si dirige verso le cantine del condominio da dove preleva, abilmente occultata dietro una pianta situata in una zona non di pertinenza del suo appartamento, una scatola contenente sostanza stupefacente.

Non aveva, però, fatto i conti con i militari, i quali, avendo percepito la sua predisposizione a delinquere, si erano appostati in ogni dove, cogliendolo così in flagranza.

Dalla verifica del contenuto della scatola i  militari accertano l’esistenza di 18 ovuli da 10 grammi di hashish, per un peso complessivo di circa 200 grammi, per un valore stimato di circa 10 mila euro.

G.M., incredulo di quanto stava accadendo, è stato così condotto in caserma e dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio, da dove, al termine degli accertamenti, è stato trasferito presso il proprio domicilio in regime degli arrestati domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo fissato per le ore 13 di oggi.

“Le attività investigative dei Carabinieri – ha dichiarato il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Jesi Maggiore Benedetto Iurlaro –  proseguiranno al fine di individuare la provenienza della droga e il giro di affari in cui era implicato l’arrestato”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.