Art Bonus per La Fornace, due artigiani di Moie i primi mecenati | | Password Magazine

Art Bonus per La Fornace, due artigiani di Moie i primi mecenati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Virgilio Contadini e la moglie Patrizia Martizzi, corniciai di Moie, sono i primi ad aver aderito all’Art Bonus a sostegno delle attività e iniziative culturali promosse dalla Biblioteca La Fornace. La notizia arriva in occasione dei 10 anni della Biblioteca La Fornace, traguardo oggetto di conferenza stampa stamattina in cui sono sono intervenuti, oltre ai due artigiani mecenati, il sindaco Umberto Domizioli, il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi, Maria Letizia Cerioni, di Ubi Banca, sostenitore della biblioteca sin dalla sua nascita, la dirigente comunale Tiziana Barchiesi, la bibliotecaria Stefania Romagnoli.

L’Amministrazione comunale ha individuato proprio la biblioteca come destinataria dello strumento, previsto dal Governo, per finanziare la cultura attraverso un credito di imposta a chi fa donazioni liberali a favore del patrimonio culturale. Fra i progetti da finanziare con l’Art bonus, tutti rivolti alle iniziative de “La Fornace”, anche dieci laboratori di promozione della lettura per giovani under 18 dell’importo di 500 euro. Ad aderire e finanziare questo primo progetto sono stati i due artigiani di Moie, corniciai che hanno creato anche la bella intelaiatura in legno sistemata in biblioteca e utilizzata per lanciare la campagna ILoveBLF, che ha visto come testimonial decine di utenti ma anche volti noti, come l’attrice Stefania Sandrelli.

Il sindaco Umberto Domizioli ha sottolineato all’occasione come «l’anno che si chiude sarà ricordato per l’esplosione del fenomeno Art Bonus che riaccende il dibattito sulle donazioni in ambito culturale, sulle giuste leve da usare, ma anche sul ruolo delle organizzazioni culturali che sempre più dovranno muoversi verso nuovi sostenitori anche con figure professionali dedicate e nuovi strumenti di fundraising. Anche il comune di Maiolati Spontini, quindi, grazie alla generosità di Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi, utilizzerà lo strumento dell’Art Bonus come opportunità per finanziare la cultura».

«La gran parte degli utenti della biblioteca – ha ricordato il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi – proviene da fuori Comune. Anche per questo abbiamo deciso di utilizzare l’Art Bonus a favore della biblioteca: per sostenere un servizio che ha dimostrato di sapersi conquistare un alto gradimento fra un pubblico vasto e variegato, anche dal punto di vista della provenienza”. Grizi ha ringraziato, oltre ai partner Ubi Banca e Moncaro, i primi due testimonial dell’Art bonus augurandosi che siano gli “apripista di questa opportunità di finanziamento della cultura».

Gli artigiani Virgilio e Patrizia hanno sottolineato la vicinanza e l’affetto nei confronti della struttura di Moie, spiegando: «Abbiamo aderito con convinzione al progetto Art bonus legato alla lettura e ai bambini perché crediamo molto nel ruolo della biblioteca di diffusione della cultura fra i più giovani e non solo. Siamo davvero orgogliosi di essere i primi ad avere aderito all’Art bonus, un regalo alla biblioteca e quindi a tutto il nostro territorio».

La rappresentante di Ubi Banca Cerioni ha ricordato come la banca sia un partner storico de La Fornace: «Siamo felici di condividere i successi della biblioteca e riteniamo fondamentale il suo ruolo sociale – ha detto – anche per i Comuni limitrofi. Ci auguriamo di continuare questo rapporto ancora per molto».

La dirigente Tiziana Barchiesi ha evidenziato come «La scuola di Roma di fundraising ci ha selezionato, insieme ad altre 11 biblioteche in tutta Italia, per realizzare il progetto Biblioraising, dedicato alla formazione, consulenza e accompagnamento nella realizzazione di progetti di fundraising, con particolare riferimento allo strumento dell’Art bonus». La bibliotecaria Stefania Romagnoli ha auspicato che «la partenza del primo intervento, rivolto ai laboratori per bambini, ci auguriamo dia una spinta anche ad altre iniziative di privati, per finanziare gli altri progetti individuati dalla giunta comunale». D’altronde il legame della comunità della Vallesina con La Fornace si è sempre più rafforzato e consolidato in questi dieci anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.