Arte in Vetrina, le congratulazioni di Sgarbi al Rotaract

JESIProsegue l’iniziativa natalizia del Rotaract Club di Jesi Arte in Vetrina – Un dono per Natale”, nel centro storico della città.

Il club e gli artisti saranno in diretta radiofonica stasera alle ore 18.35 sulle frequenze di Radio Studio 24, FM 88 – 90.8, ospiti del talk show “Il divano a pois” di Alessio Miranda. “Arte in Vetrina – Un dono per Natale” arricchirà il Natale a Jesi fino il 6 gennaio.

Cinque vetrine tra Via Pergolesi, Piazzetta Angelo Ghisleri, Via Federico Conti e Palazzo Battaglia sono arricchite da opere d’arte di giovani artisti del territorio. “Con “Arte in Vetrina – Un dono per Natale” si sta valorizzando sia le capacità artistiche di giovani artisti, sia una parte di centro storico di Jesi che ultimamente, purtroppo causa crisi, è stato privato di molte attività commerciali. – ha spiegato la presidente del Rotaract Club di Jesi, Benedetta Rosini –  La sensibilità degli artisti ci permette anche di contribuire al service distrettuale Airc per contribuire alla ricerca contro il cancro. Con orgoglio e soddisfazione sono state già prenotate per l’acquisto alcune opere esposte e una parte della vendita sarà così destinata al progetto rotaractiano dell’Airc”.

Anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha lodato l’iniziativa spiegatagli direttamente dalla presidente del club Benedetta Rosini. “Vediamo se riesco a passare entro il sei gennaio” ha esclamato Sgarbi, senza nessuna promessa, ma lasciano comunque soddisfazione.

Le vetrine sono state gentilmente concesse dai proprietari dei locali che in questo periodo non sono utilizzati da attività commerciali, per questo il Club ringrazia: Paolo Sardella, Maurizio Maurizi, Palazzo Battaglia, Costantino Ricci, Margherita Zappelli, Giovanni Zullo.

Si ringraziano inoltre: Rotary Club di Jesi, Con Gusto, Esitur Viaggi, Elettrocentro, Artemisa, Mattoli, Società Agricola La Staffa.

I nomi degli artisti sono: Andrea Bassetti, Alex Bilò, Gabriele Marchegiano, Federico Moretti, Cristiana Ricciotti e Andrea Silicati.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*