Asp 9, riaprono i centri diurni per disabili | Password Magazine
Banner4Baffi

Asp 9, riaprono i centri diurni per disabili

Il presidente dell'Asp Marasca: «Più servizi senza oneri aggiuntivi per le famiglie»

JESI – Dopo lo stop per il covid, riaprono lunedì i cinque centri diurni per disabili della Vallesina, tra i primi nelle Marche a tornare in attività. Si tratta in particolare dei centri De Coccio e Maschiamonte di Jesi, I Girasoli di Filottrano, Il Girasole di Staffolo e Una porta aperta di Cingoli. Ospitano complessivamente 56 utenti.

I servizi coinvolti – Asp Ambito 9, Coos Marche (la cooperativa sociale che gestisce in appalto i centri diurni) e Umea Area Vasta 2 dell’Asur – hanno lavorato per dar seguito alle direttive previste dalla Regione Marche. Sono stati, infatti, approvati dall’unità operativa sociale e sanitaria i progetti di struttura riprogrammati sulla base del piano territoriale di riapertura, oltre che i nuovi progetti personalizzati di ciascun utente frequentante i centri diurni.

«Le principali novità che interessano la temporanea riorganizzazione dei centri – fa sapere il presidente dell’Asp Matteo Marasca – riguardano l’estensione dell’apertura al sabato e l’incremento del personale di assistenza per supportare gli utenti nel rispetto del distanziamento fisico, nonché per garantire una puntuale sanificazione degli spazi. Anche il servizio trasporto verrà potenziato per far sì che all’interno dei mezzi venga mantenuta la distanza di sicurezza. Altra importante novità riguarda l’apertura dei centri diurni anche nel mese di agosto».

Ha già preso avvio lo screening, attraverso i tamponi, per l’accertamento della positività/negatività da Covid-19 per gli utenti, gli operatori e gli addetti ai trasporti. 

«Dal momento dell’apertura – prosegue Marasca – gli utenti e gli operatori verranno quotidianamente sottoposti ad un triage/questionario che prevede anche la rilevazione della temperatura corporea. Ogni centro diurno verrà dotato di un quantitativo di dispositivi di protezione individuale tale da poter essere distribuito ad operatori ed utenti».

I costi unitari aggiuntivi di questa nuova organizzazione saranno assorbiti dall’Asp e dall’Asur Marche, ragion per cui non ci saranno aumenti e oneri ulteriori per le famiglie e i disabili accolti nei centri diurni: «È importante considerare – conclude il presidente – come la suddetta organizzazione dei centri diurni abbia carattere di temporaneità, essendo finalizzata a garantire una riapertura graduale, cosi come disposto dalla normativa nazionale e regionale, che potrà cessare al venir meno della situazione di emergenza sanitaria».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.