Asp Ambito 9, c'è il progetto WIFI per l'integrazione | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Asp Ambito 9, c’è il progetto WIFI per l’integrazione

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Nuovo bando vinto dall’Asp Ambito 9 insieme a tanti altri enti: il progetto si chiama WIFI, “Welfare Interculturale Formazione e Integrazione. Modelli Innovativi di Azioni Territoriali e Spazi di cittadinanza”  e si inserisce all’interno del “FAMI – fondo asilo, migrazione e integrazione”

Il progetto si è classificato in 5° posizione su una totale di 121 progetti e vede come capofila del progetto l’Asp Ambito 9 e come partners l’ATS 11 – Ancona; l’ATS 19 – Fermo; l’ATS 13 – Osimo; l’Unione Montana dell’Esino-Frasassi; la Plus Area Ovest – Comune di Villa San Pietro (CA); l’Anci Umbria; il Consorzio ABN (Perugia); il Consiglio Nazionale delle Ricerche –Istituto di fisiologia clinica; l’Anolf; la Cooss Marche; Vivere Verde; La Gemma; Office Vallon de la formation professionelle et de l’emploi e Le Forem – Belgio (organismo di diritto pubblico). “Per l’Asp rappresenta l’opportunità di proseguire quanto iniziato con l’altro bando – commenta il direttore Franco Pesaresi – ed ha l’obiettivo di favorire l’integrazione dei stranieri, anche in termini di accesso ai servizi pubblici. È la seconda volta di seguito che vinciamo il bando ed è stato possibile soltanto grazie alle solide partnership instaurate”.

Il progetto ha come budget complessivo 637.298,20 di cui 63729,82 sono cofinanziati da tutti gli enti coinvolti, è iniziato il primo novembre e terminerà il 30 aprile del 2020. L’idea progettuale è nata con l’intento di capitalizzare l’esperienza del precedente progetto Fami E-Quality mantenendo l’obiettivo generale di favorire l’inclusione sociale ed economica dei cittadini provenienti dai paesi terzi. Il progetto “WIFI” – Welfare Interculturale Formazione e Integrazione – propone di definire un nuovo modello di Welfare capace di coniugare il tema dell’integrazione con quello dell’integrazione sociale, facendo lavorare in sinergia i quattro attori protagonisti dei prossimi 18 mesi: le Pubbliche Amministrazioni, le organizzazioni del terzo settore, i cittadini e la comunità locale. Il primo focus che si sono predisposti è stato quello di trasferire tutte le nozioni e le cosiddette pratiche di “capacity building” (letteralmente la costruzione delle capacità) ai territori non coinvolti nella precedente progettualità per poi condividerle in rete attraverso la creazione di una piattaforma, anche attraverso i 3 workshop di approfondimento che interesseranno le Marche, l’Umbria e la Sardegna. Gli altri focus sono il miglioramento della capacità dei cittadini provenienti da paesi terzi di accedere ai servizi; l’omogeneizzare l’offerta di inclusione relativa al terzo Settore favorendo la concertazione tra pubblico, privato sociale e cittadini dei paesi terzi; la realizzazione di laboratori che coinvolgono la comunità locale con l’obiettivo di rafforzare il senso di comunità; istituire tavoli provinciali per l’integrazione nelle provincie di Fermo, Perugia e Cagliari. “Quello che andiamo a costruire è una cittadinanza attiva fatta da cittadini che provengono dai paesi terzi – spiega il presidente Sergio Mosconi – per avere dei risultati concreti dobbiamo andare dentro il cuore della comunità”, e il progetto segue proprio questa filosofia. Attraverso una piattaforma e-learning ed e-practice con materiali formativi, casi pratici e uno spazio di dialogo all’interno delle Pubbliche Amministrazioni si creerà uno spazio di aggiornamento continuo che coinvolgerà 120 operatori delle PA e realizzerà più di 540 accessi alla piattaforma digitale; sarà anche realizzata un’APP interattiva e di orientamento all’integrazione dove potranno dialogare enti pubblici, Terzo settore e cittadini dai paesi terzi con un una medi di 560 accessi. E ancora, saranno organizzati brevi incontri tematici con video formativi e materiali multilingue relativi all’inclusione lavorativa, alle problematiche alloggiative, sulla questione domestica, che andranno a coinvolgere 560 cittadini dei paesi terzi. Al fine di rendere complici ancora di più tutti gli attori protagonisti, si creeranno occasioni di reale coinvolgimento e incontri sotto forma di laboratori di educazione alla cittadinanza, di aggregazione e mobilitazione su temi quali volontariato, protezione civile, ambiente, cultura. questi saranno incontri aperti a tutta la cittadinanza con una partecipazione prevista per circa 420 persone.

Insomma, un progetto a tutto tondo affinché tutti i cittadini abbiano le stesse opportunità, occasioni e possibilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.