ASP Ambito 9, è da 19 milioni di euro il bilancio previsionale 2018

JESI – Oltre 19 milioni di euro destinati all’Azienda Servizi alla Persona “ASP Ambito 9” di Jesi per i servizi sociali del territorio, somma approvata dall’Assemblea dei Soci lo scorso 3 aprile.

Nel triennio 2016-2018 l’ASP di Jesi è passata da un bilancio di circa 11 milioni agli oltre 19 milioni di quest’anno: numeri che si evolvono in positivo con un incremento intorno al 60%. “Dato che ci rende soddisfatti – commenta il Presidente dell’ASP Sergio Mosconi – perché vuol dire che l’ASP sta crescendo, mettendo sullo stesso piano il lavoro quantitativo con quello qualitativo”. A crescere non sono soltanto le cifre del bilancio, ma anche quelle dei dipendenti dell’Asp Ambito 9: dai 58 del triennio ai 64 attuali, di cui 50 a tempo indeterminato, “il settore socio-sanitario è uno dei pochi settori che riesce ancora a garantire lavoro” – spiega il Presidente. Per quanto riguarda il bilancio, si tratta di contributi provenienti da fondi nazionali ed europei grazie ai quali sono stati avviati o potenziati diversi progetti ed interventi in vari settori: migranti, strutture residenziali per anziani, minori e famiglie, anziani, disabilità.

Un importante progetto che sta prendendo forma è quello della progettazione della nuova RSA di Jesi, come commenta il Direttore dell’Asp Pesaresi Franco “attualmente l’Asp gestisce 4 case di riposo, Jesi, Cingoli, Apiro e Staffolo, con un ottimo rapporto tra l’offerta, pari a 200 posti letto complessivi e la domanda. Ma abbiamo un obiettivo, quello di ristrutturare la struttura residenziale di Jesi con l’aggiunta di ulteriori 40 posti letto di RSA, esigenza sentita molto in questa realtà e nel nostro territorio. Si prevede la messa a punto di una struttura di 150 posti tra casa di riposo e RSA, con gara d’appalto entro la fine dell’anno”.

Per il settore della disabilità: l’apertura della struttura residenziale regionale “Azzeruolo” per i soggetti con autismo con sede a Jesi, per circa 9 persone, con gara d’appalto prevista per fine anno; l’attivazione di un secondo alloggio per esperienze abitative di oggetti con disabilità intellettive “La casa di Emma” che verrà inaugurata nei primi mesi estivi, e permetterà a circa 5 disabili di vivere in modo indipendente ed autonomo. E ancora, attuazione legge sul “Dopo di NOI”: realizzazione di una struttura agrituristica per disabili in cui potranno sia vivere che lavorare.

Per il settore minori: gestione del fondo comune minori in comunità per tutti i 21 comuni dell’Ambito, progetto impegnativo ed importante. Altro obiettivo è quello del progetto SPRAR, ossia della gestione dei richiedenti asilo, che l’Asp gestisce anche per altri 12 comuni della provincia di Ancona, oltre che per i suoi 22: stiamo parlando quindi dell’accoglienza di circa 500 rifugiati totali.

Per ciò che riguarda il settore povertà e disagio: ci sarà l’avvio della progettazione per la realizzazione dell’Emporio solidale per le famiglie in difficoltà economica, in collaborazione con la Caritas; un supermercato in piccolo in cui le famiglie potranno andare a prelevare i beni alimentari a titolo gratuito. E ancora, la gestione del reddito di inclusione, “che potrebbe essere un’arma in più contro le tante difficoltà che molte famiglie stanno incontrando – spiega il Presidente – e ad oggi ci sono state 280 richieste”.

E per concludere, al livello amministrativo c’è il progetto della “Fondazione di Comunità”, una fondazione attraverso la quale gestire le donazioni, “lo si fa per creare solidarietà tra i cittadini – commentano insieme Irene Bini, membra del consiglio d’amministrazione e il Presidente dell’assemblea dei comuni soci Marco Bini – la cultura della solidarietà a volte ci sfugge, ma è quella che ci può salvare”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*