Asp Ambito 9, termina la presidenza di Sergio Mosconi | Password Magazine

Asp Ambito 9, termina la presidenza di Sergio Mosconi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, il presidente uscente Sergio Mosconi

JESI – Il presidente del consiglio di amministrazione dell’ASP Ambito 9 traccia le somme del suo operato, dopo quasi cinque anni il dott. Sergio Mosconi è infatti giunto a fine mandato: «Sono stati anni di intensa attività e devo ringraziare tutto il cda perché abbiamo saputo lavorare bene confrontandoci intensamente con la massima compattezza e serenità».

L’affidamento dell’incarico a Mosconi ha data ottobre 2015 e da quel giorno sono stati tanti i progetti e le battaglie portate avanti con il sostegno di tutti e la piena collaborazione: «Questi quattro anni e mezzo di Presidenza cda Asp 9 sono passati molto in fretta – spiega il presidente uscente – e quando il tempo scorre veloce significa che quello che si è fatto è avvenuto con partecipazione e soddisfazione».

Il mandato, che non sarebbe stato rinnovato, è giunto alla fine la settimana scorsa, durante l’ultimo CDA, e questa mattina l’uscente presidente Mosconi ha voluto fare il punto della situazione: «Sicuramente l’aspetto più importante è l’apertura che l’Asp ha avuto nei confronti dell’intero territorio di competenza – spiega Mosconi – per farsi conoscere e per conoscere il territorio dei 21 comuni». Con questo obiettivo raggiunto, si è potuto quindi affidare all’Azienda ai Servizi alla Persona le case di riposo pubbliche con gli stessi criteri di gestione, facendo comunicare tra loro le strutture di Cingoli, Jesi, Apiro e Staffolo. Altro risultato ottenuto, quello di unire nella sede di via Gramsci casa di riposo e residenza protetta, e in futuro RSA, con una capienza di circa 150 posti letti totali: «Ciò porterà a ragionare su queste tematiche per moduli successivi – prosegue il presidente – è un’azione socio-sanitaria che ha come obiettivo quello di evitare l’ospedalizzazione». Parlando di numeri, da inizio mandato ad oggi, c’è stato un incremento del bilancio pari al 73% (da circa 13 milioni a più di 22 milioni), diventando un punto di riferimento anche per il mondo del lavoro con i suoi 64 occupati (42 a tempo indeterminato e 22 a tempo determinato) e si è potenziata anche la parte amministrativa con un impiego indiretto di circa 470 persone. E ancora, si è fondata la Fondazione di Comunità Vallesina Aiuta Onlus; si sono svolti convegni e incontri per la promozione della cultura sociale, rivolti soprattutto ai giovani; è nato il centro Diurno Alzheimer; la Casa delle genti; il progetto dell’emporio solidale di Via Papa Giovanni XXIII: «Con la passione e la voglia di fare si possono fare tante cose – prosegue Mosconi – l’importante è ricordarsi di fare del bene perché al centro di ogni progetto o iniziativa ci sono le persone».

«È stata per me un’esperienza di crescita immensa e vorrei ringraziare tutti coloro che l’hanno resa tale, a cominciare dalla vice presidente e ai componenti del Cda che si sono succeduti, al Direttore Pesaresi, con cui ho lavorato sempre nel reciproco rispetto dei ruoli e con il massimo confronto e collaborazione, alla Segretaria amministrativa, ai Responsabili U.O.C. ,a tutto il personale, ai rappresentanti delle cooperative e del Terzo settore e ai Presidenti che si sono succeduti dell’Assemblea dei soci insieme a tutti i suoi componenti. Un ringraziamento naturalmente va al sindaco Bacci che ha pensato a me per questa esperienza e agli assessori con cui ho collaborato come rappresentanti del Comune capofila – conclude Mosconi – auguro a chi prenderà il mio posto le stesse possibilità e di contribuire a migliorare ancor di più quello che è stato fatto e di fare dell’Asp 9 sempre più un punto cardine dell’attività sociale sul nostro territorio».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.