Aspettando Volontarja, Giovanni Moro a Jesi parla di 'Cittadinanza' | Password Magazine
Festival Pergolesi

Aspettando Volontarja, Giovanni Moro a Jesi parla di ‘Cittadinanza’

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il valore profondo della cittadinanza raccontato da Giovanni Moro, ieri a Jesi per Aspettando Volontarja.
Si è svolta nella splendida cornice di Palazzo Pianetti l’anteprima della manifestazione dedicata al volontariato che torna quest’anno con una nuova formula. L’evento, organizzato da Comune di Jesi insieme al Coordinamento delle associazioni di Volontariato e di Promozione sociale, CSV Marche, Asp Ambito IX, costituisce l’apertura di un’edizione 2020 ancora da scoprire.
Dopo i saluti e l’introduzione del vice sindaco Luca Butini, il consigliere comunale Tommaso Cioncolini (che insieme al consigliere Matteo Baleani ha la delega per Volontarja) ha moderato l’incontro, invitando il noto sociologo a riflettere sul senso di cittadinanza applicato al volontariato.

20200929_190320

«Mi piace parlare di volontariato come attivismo civico – ha detto Moro, ringraziando per l’invito a Jesi-, esperienze che basate su relazioni forti e significative concorrono al bene pubblico».
La Cittadinanza per Moro è «una delle parole più importanti, capace di garantire inclusione tra persone, a definire un insieme». Un’ invenzione moderna che grazie a dei fattori costanti tiene uniti i cittadini. Essere riconosciuti come parte di qualcosa, essere riconosciuti dallo Stato, esercitare un ruolo, avere diritti e doveri e partecipazione: questi gli ingredienti della cittadinanza, «approcci che ritroviamo anche nel volontariato».

20200929_190514

Concetti ben descritti da lui nel saggio Cittadinanza: «Scarsamente considerata fino all’inizio degli anni Novanta del secolo scorso, la cittadinanza democratica è oggi un fenomeno che suscita la massima attenzione della ricerca scientifica e della opinione pubblica. La sua riscoperta come realtà autonoma e non come prodotto secondario dello Stato si è però accompagnata alla presa d’atto di una crisi della sua funzione di dispositivo di inclusione, coesione e sviluppo delle società».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.