Associazione Teatro Giovani | Password Magazine
Festival Pergolesi

Associazione Teatro Giovani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Il Teatro come efficace mezzo di educazione capace di coinvolgere il soggetto in età evolutiva e condurlo a formarsi attraverso la progressiva scoperta del sé, della sua corporeità ed espressività,  prendendo coscienza dei valori, dei sentimenti e della sua profonda umanità.  È il teatro promosso dall’Associazione Teatro Giovani (ATG) di Serra San Quirico, borgo della Vallesina in cui da quasi 30 anni si incrociano le esperienze di studenti, insegnanti, dirigenti scolastici, operatori teatrali, provenienti da ogni regione d’Italia, grazie alla Rassegna Nazionale del Teatro della Scuola. “É l’evento più importante,  il cuore pulsante di tutte le nostre attività – spiega la dott.ssa Marina Ortolani, direttrice dell’ATG – La Rassegna richiama ogni anno circa 50 gruppi scolastici di ogni ordine e grado che, da tutta Italia, arrivano qui a Serra San Quirico per portare la loro esperienza teatrale”.

La dott.ssa Marina Ortolani, direttrice dell'ATG

Direttrice Ortolani, come nasce l’ATG?
“L’associazione nasce nel 1994 per volontà di alcuni enti pubblici – il Comune di Serra San Quirico, la Provincia di Ancona, la Comunità Montana e l’AMAT (Associazione Marchigiana Attività Teatrali) –  con l’obiettivo di dare continuità e sostanza progettuale alla Rassegna Nazionale Teatro della Scuola, un evento che stava diventando sempre più importante nel territorio e che richiedeva un crescente impegno di costi e di organizzazione. Costituita da un assemblea e da un consiglio d’amministrazione, è attualmente presieduta da Fabrizio Giuliani ”.

In cosa consiste la Rassegna?
“È un evento che si svolge a primavera, a cavallo tra aprile e maggio, a seconda del calendario pasquale, e dura circa 3 settimane. In questo periodo, insegnanti e alunni soggiornano nei nostri ostelli e si preparano ad andare in scena, secondo un calendario programmato, e non solo: la rassegna, infatti, non nasce per essere una vetrina di spettacoli scolastici ma è la concretizzazione di un progetto formativo che ruota intorno al concetto di Teatro di Educazione”.
E che cosa significa?
“Il Teatro di Educazione potrebbe essere riassunto in tre parole: vedere, fare, parlare.  Giovani d’ogni età – dai bambini della materna agli studenti delle superiori – sono chiamati non solo a inscenare uno spettacolo ma anche ad assistere a quello degli altri e a partecipare a laboratori e a salotti teatrali dove si discutono e si confrontano le

esperienze di ciascuno. Questo perché il Teatro di Educazione considera il soggetto in fase di crescita e trasformazione, che merita dunque un approccio adeguato che badi sia alla persona – nel superamento delle sue timidezze, nella conoscenza del corpo e dei sentimenti – sia alle relazioni con gli altri. Si lavora sul singolo ma anche sul gruppo, sulla socializzazione, sull’integrazione. Perché il teatro è un arte volta alla comunicazione per eccellenza, al rapporto con l’altro: è una relazione del vivo tra attori e pubblico in grado di scatenare meccanismi che portano a risultati eccezionali in termini di crescita, di acquisizione di consapevolezze, di approfondimenti, di spirito critico.”
L’Associazione Teatro Giovani offre ogni anno opportunità di lavoro e di formazione professionale a ragazzi ed universitari. Questo fa di voi una realtà di giovani e per i giovani …
“Sì, la rassegna è anche un veicolo di lavoro e di opportunità. Generalmente, durante le giornate del Teatro Scuola occupiamo circa 30-40 persone. È vero, il periodo è circoscritto ma permette a tanti giovani del territorio di formarsi in diversi ambiti – teatrale, tecnico, organizzativo – e allo stesso tempo di mettere da parte un gruzzoletto.  Questo sfata il mito della cultura che non porta lavoro. In realtà, nel nostro caso, è fonte di occupazione. La rassegna è crescita del territorio a livello culturale, economico e formativo”.

il presidente ATG dott. Fabrizio Giuliani

È anche un incentivo al turismo.
“Sì, una vera cartolina per la nostra regione. Durante la Rassegna i ragazzi soggiornano negli ostelli, visitano il territorio, assaggiano i nostri prodotti. Sono molte le iniziative che si sviluppano su più giornate, dando vita ad una forma di “turismo culturale”. Per questo motivo, la sede stessa dell’ATG, dataci in affitto dal Comune di Serra San Quirico e ricavata dai locali ristrutturati di un antico palazzo d’epoca, autogestisce una foresteria con 15 posti letto”.
Ad esempio? Quali sono le altre attività promosse dall’ATG?
“Le altre iniziative sono sviluppate nell’arco di tutto l’anno e ruotano sempre intorno al concetto di Teatro di Educazione. Alcune sono rivolte alle scuole del territorio o ai bambini, come il Teatro di Comunità, che prevede una lezione di teatro a settimana, per cinque o sei mesi. Altre invece riguardano gli adulti e, in particolare, la formazione di insegnanti, operatori culturali, sociale e teatrali, provenienti da tutta Italia. Uno di questi progetti è la Scuola Estiva Teatro di Educazione (S.E.T.E.)  che prevede un full immersion, della durata complessiva di una settimana, a cavallo tra luglio e agosto, scandito da incontri, discussioni e confronti con i  docenti e gli  esperti in questa metodologia didattica. Un’iniziativa questa che si ripete da circa 10 anni”.
Che cosa sono invece i “week-end teatrali”?
“Sono dei fine settimana in cui gli operatori, da tutta Italia, giungono qui per promuovere percorsi di formazione di due o tre giorni su varie tematiche e metodologie teatrali. Con una spesa poco impegnativa ma comprensiva di didattica e alloggio, molti operatori giungono nella nostra sede, per acquisire competenze e godersi le ricchezze del nostro territorio”

L’Associazione Teatro Giovani è famosa anche per “Il Paese dei Balocchi”. In cosa consiste?
“E’ un’iniziativa estiva rivolta ai bambini. Cinque giorni di gioco, teatro e animazione, durante i quali il centro storico viene chiuso al traffico e si trasforma in un vero “Paese dei Balocchi” per grandi e piccini. Altre volte, siamo noi dell’ATG a portare il teatro nei paesi dove non c’è, nell’ambito provincia di Ancona”.
Quanto è importante questo tipo di attività per il territorio e la comunità?
“Per il mondo della scuola, siamo ormai un punto di riferimento, tanto da essere accreditati dal Ministero della Pubblica Istruzione come ente di formazione. Il nostro obiettivo, pur con la crisi economica e la politica dei “tagli” alla cultura, è tenere in vita il progetto, la Rassegna e la sua valenza educativa. Le scuole hanno fame di iniziative culturali e significative come questa. Ne hanno bisogno i ragazzi, la società. E noi, come un faro, puntiamo a loro, alla crescita delle nuove generazioni. Fortunatamente, in questo periodo di difficoltà, ci sono enti che continuano a credere in noi e a sostenerci, come il Parco Naturale Gola della Rossa Frasassi, sostenitore e partner con il quale spesso organizziamo attività di Teatro Ambientale, per la diffusione di messaggi ecologici e naturalistici”.
Sogni nel cassetto?
”Guardare oltre. Magari realizzare qualche progetto a livello europeo, con partner di altri Paesi. La nostra culla è il territorio, le Marche. L’aquilone è aprirsi all’Italia e all’Europa”.

Associazione Teatro Giovani Centro Nazionale di Formazione Studi e Documentazione sul Teatro Educazione
Via Roma, n. 11 – Serra San Quirico (AN)
www.teatrogiovani.eu

Chiara Cascio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.