Attese bibliche per una prenotazione al Cup. TDM: «Paziente in coda per due giorni» | | Password Magazine

Attese bibliche per una prenotazione al Cup. TDM: «Paziente in coda per due giorni»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un’estate infernale che sembra non finire mai per i pazienti dell’Asur Area Vasta 2: è quanto afferma il Tribunale per i Diritti del Malato, dopo i tagli ai posti letto e al bilancio cui si aggiunge il ritorno in grande stile delle zanzare.

Ecco che arrivano segnalazioni, peraltro non nuove, di disservizi al CUP Regionale,  molte concentrate nelle giornate del 2 e 7 agosto.  Tra le varie, spicca il caso di una paziente che venerdì 2 agosto ha provato in tutti i modi a prenotare telefonicamente al CUP una prestazione sanitaria e ci è riuscita soltanto dopo due giorni di lunghe attese telefoniche e andate agli sportelli CUP.

«Una vera odissea per la donna – ha detto Pasquale Liguori, coordinatore del TDM – Tutto è cominciato il 2 agosto, quando la donna, dovendo prenotare una prestazione sanitaria, dalle 9 del mattino e sino alle 17 del pomeriggio, ha cercato di contattare un operatore CUP e dopo varie “cadute di linea” è riuscita ad avere finalmente due contatti telefonici con lo sportello: il primo, dopo avere atteso 138 posizioni davanti a lei, ha avuto come esito questa risposta: Siamo spiacenti ma le ricette bianche oggi non vengono caricate dal sistema perché ci sono troppe chiamate in coda , deve richiamare in altro momento. Peggio è stato il secondo contatto: l’operatore ha prima risposto e poi ha messo giù. La paziente, peraltro donna lavoratrice, ha deciso così  di recarsi di persona al Cup, non in quello di Ancona (aperto con orario dal lun al ven 8-13,30 e pomeridiano solo martedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30) ma in quello di Jesi ove gli sportelli osservano un orario più consono alle esigenze di quelli che lavorano (dal lun al ven, dalle 7,30 alle 19,15). Arrivata a Jesi poco dopo le 18, dopo la solita fila allo sportello, si è sentita dire che quella prestazione di cui aveva bisogno era prenotabile solo a Torrette in quanto il codice non era rintracciabile a video».

A questo punto la donna , davvero sfinita e incavolata per le incredibili traversie subite è stata costretta a recarsi il giorno successivo allo sportello CUP di Torrette e qui finalmente ha ottenuto la tanto sudata  prenotazione: «Quello che non è tollerabile nel caso specifico segnalato, oltre alle bibliche attese telefoniche, è che la creazione del Cup regionale aveva come scopo anche quello di unificare i codici di prestazione, dando cosi la possibilità al cittadino di prenotare qualsiasi prestazione da un qualunque sportello CUP- insiste Liguori -Il caso in questione però dimostra che non è cosi e quindi il cittadino continua a peregrinare dal un Cup all’altro senza che alcuno gli dia la giusta informazione.Per non parlare poi delle inconcepibili differenze di orario degli sportelli, cosa che mette in condizione il cittadino di andare alla ricerca del CUP con l’orario più confacente alle sue esigenze».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.