«Aumentano contagi e posti letto covid al Carlo Urbani» - Password Magazine

Festival Pergolesi

«Aumentano contagi e posti letto covid al Carlo Urbani»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «La situazione dei contagi a Jesi sta peggiorando, i pazienti ricoverati in area COVID hanno superato il numero dei posti letto messi a disposizione nella BPN e, a fronte di questo , la Direzione dell’AV2 ha deciso attivare da subito ulteriori 8 posti letto COVID nella citata unità». Lo fa sapere il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi, in una nota sottoscritta dal coordinatore Pasquale Liguori: «A seguito di ciò la Direzione ha disposto il trasferimento immediato dei pazienti “puliti” della BPN in altre unità operative. Non condividiamo assolutamente la decisione della Direzione di ampliare ulteriormente i posti letto COVID , tra l’altro per accogliere pazienti non del nostro territorio, in quanto il piano pandemico prevede che, al salire dei contagi, una volta esaurita la capienza delle unità di malattie infettive, subentrino Jesi e Senigallia con l’apertura di aree covid. Fatto è invece che il nostro ospedale amplia ancora  i posti letto COVID mentre Senigallia è ancora covid free oltre che Fabriano che, grazie a non so quale “magica protezione” lo è sempre stato dall’inizio della pandemia. Peraltro c’è il rischio concreto che, se aumentassero ancora i contagi, dovremo aprire una ulteriore covideria, sottraendo ulteriori posti alle degenze ordinatarie. Noi diciamo basta a questo gioco al massacro , siamo stufi di subire questo accanimento nei confronti del nostro ospedale che implica peraltro tante conseguenze negative per la cittadinanza. Per esempio: da oggi non si possono più visitare i ricoverati in ospedale, riduzione dei ricoveri per altre patologie e quindi di un allungamento delle liste di attesa, dover portare in altre strutture i nostri anziani con pluripatologie che non trovano posto  in reparto. Ci chiediamo che ne pensa di tutto ciò il nostro Sindaco che tace di fronte a tutto ciò ricordando ancora una volta la grave carenza di organico del Pronto soccorso che sta operando come una medicina interna piuttosto che una medicina di urgenza, in quanto è costretta a trattenere e a curare, con grande abnegazione, le patologie dei nostri anziani che sempre più numerosi arrivano li e che non riescono a trovare una sistemazione nei reparti» .

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.